Le novità introdotte dal Decreto n. 80/2015 – violenza di genere e telelavoro

di Alba D'Alberto Commenta

Le novità introdotte dal Decreto n. 80/2015 - violenza di genere, telelavoro e azioni di conciliazione.

Se ci sono coppie di lavoratori che stanno per avere un bambino, è utile riepilogare le novità introdotte dal decreto 80 2015 che si è proposto non soltanto di lavorare sulle discriminazioni di genere ma anche di rendere maggiormente compatibile la vita famigliare con quella lavorativa. 

Ecco, così come le spiega il Ministero del Lavoro, le novità introdotte in termini di lotta alla violenza di genere, telelavoro e azioni di conciliazione.

2.      Violenza di genere

Per il 2015 le vittime di violenza di genere (come individuate dal Decreto Legge 93/2013 convertito nella Legge 119/2013), lavoratrici dipendenti o parasubordinate sia del privato che del pubblico, potranno richiedere un’astensione per un periodo massimo di tre mesi dall’attività lavorativa, per motivi legati al percorso di protezione. La fruizione del congedo potrà avvenire su base giornaliera od oraria nell’arco dei tre anni, secondo modalità stabilite dagli accordi collettivi; in loro assenza, si avrà riguardo alle esigenze della lavoratrice stessa.

Durante il periodo di congedo la lavoratrice percepirà un’indennità parametrata all’ultima retribuzione.

Le lavoratrici vittime di violenza potranno inoltre chiedere la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, verticale od orizzontale, ove disponibili in organico. Il part time concesso dovrà essere trasformato nuovamente in full time su richiesta della lavoratrice (articolo 24 – d. lgs.n. 80/2015).

3.      Telelavoro e azioni di conciliazione

Sono introdotti benefici per i datori di lavoro che utilizzeranno forme di organizzazione tese ad una maggiore conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei propri dipendenti:

  • i lavoratori ammessi al telelavoro possono essere esclusi dal computo dei limiti numerici previsti da disposizioni di legge o di contratto collettivo per l’applicazione di particolari normative ed istituti (articolo 23 – d. lgs. n. 80/2015);
  • In via sperimentale, per il triennio 2016-2018, il 10% del Fondo per il finanziamento di sgravi contributivi per incentivare la contrattazione di secondo livello è destinata alla promozione della conciliazione tra vita professionale e vita privata. Saranno definiti in un apposito decreto interministeriale i criteri e le modalità per accedere a questo nuovo sgravio. Nello stesso decreto, inoltre, saranno delineate linee guida e modelli utili per incoraggiare la diffusione delle buone pratiche (articolo 25 – d. lgs. n. 80/2015).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>