Crescono furti nei negozi, +14,8% dal 2011, l’allarme di Confesercenti

di Alba D'Alberto Commenta

Furti nei negozi in aumento e soprattutto al Nord la situazione è terribile. L'allarme e il resoconto di Confesercenti.

Fare il commerciante è sempre più difficile e oltre gli sgravi e le agevolazioni il governo è chiamato a mettere un freno ai furti e ad aumentare la sicurezze nelle città. L’allarme di Confesecenti in tal senso è indicativo: i furti sono aumentati del 14,8%. 

Per gli imprenditori il tema della sicurezza è diventato prioritario e bisogna anche allontanarsi dai cliché per avere un’idea precisa di quel che accade nel nostro Paese visto che gli esercizi più bersagliati sono al nord. Confersecenti offre una panoramica completa spiegando che da quando la situazione è peggiorata soltanto 1 commerciante su 10 si sente più tutelato.

Le denunce

Le denunce di furti negli esercizi commerciali hanno superato quota 106mila all’anno, con un incremento del 14,8% (oltre 13mila in più) tra il 2011 ed il 2014, ultimo dato disponibile. E la situazione non sembra essere migliorata nemmeno nel 2015: il 54% dei negozianti segnala anche per l’anno appena concluso furti o rapine ad attività commerciali e pubblici esercizi nella propria area. È quanto emerge da un’indagine di Confesercenti sul tema sicurezza per le PMI del commercio, basata sui dati Istat relativi alle denunce delle forze di polizia all’autorità giudiziaria e sui risultati di un survey agli imprenditori sul tema sicurezza, condotto in collaborazione con SWG.

Il dettaglio territoriale

La crescita dei furti non è avvenuta in modo uniforme sul territorio nazionale. La Regione a registrare l’aumento maggiore è il Trentino Alto Adige/Sud Tirol, con un incremento del 31,6% delle denunce tra il 2011 ed il 2014. Seguono Abruzzo (+24% nello stesso periodo) e Veneto (+23%). In controtendenza, invece, Umbria e Molise, dove le denunce di furto calano, rispettivamente, dell’11,2% e del 21,6%. Dall’analisi dei numeri assoluti, però, emerge che quasi un furto nei negozi su due (il 45%) è avvenuto in sole tre Regioni: la Lombardia, l’Emilia Romagna ed il Lazio. A guidare la poco invidiabile graduatoria nazionale è la Regione lombarda, dove nel 2014 sono state raccolte dalle forze dell’ordine più di 24.400 denunce. Quasi il doppio dell’ Emilia Romagna che, con poco più di 12.400 furti, si posiziona al secondo posto, seguita dal Lazio (quasi 11.200).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>