Milleproroghe 2011 dettagli

di Francesco Di Cataldo Commenta

Per prima cosa è stata sospesa la norma sulle graduatorie provinciali per i precari della scuola, le demolizioni che andavano a colpire le abitazioni abusive in Campania sono state bloccate..

Come sappiamo ormai dalla televisione e dai giornali, il decreto milleproroghe 2011 è passato alla camera ed è ora al vaglio del senato. Il decreto, approvato con un maxiemendamento, è stato definito milleproroghe, ma in realtà le norme sono poco più di cento. E’ importante andare a valutare brevemente quelli che sono i punti fondamentali del decreto.

Per prima cosa è stata sospesa la norma sulle graduatorie provinciali per i precari della scuola, le demolizioni che andavano a colpire le abitazioni abusive in Campania sono state bloccate, l’organo di controllo della Borsa Italiana verrà riorganizzato soprattutto a livello del personale, nella zona intorno all’Etna verrà riorganizzato l’ordine contrattuale dei bagnini.


Sul settore delle comunicazioni verterà il divieto di incroci tra settore della stampa e settore della televisione. Il presidente del consiglio potrà firmare un decreto di comune accordo col ministro dell’economia oltre che effettuare una proroga.

Riguardo al 5 PER MILLE i malati di SLA potranno beneficiare di 100 milioni di euro. I cittadini della regione Veneto che sono stati coinvolti nell’alluvione potranno beneficiare di una proroga fino a giugno 2011 per versare le tasse.

Il biglietto del cinema, non parrocchiale, verrà aumentato di un euro e questi soldi andranno a finanziare le opere cinematografiche. Dal primo di Marzo verrà stretta la morsa sulle case fantasma ovvero tutte quelle case non dichiarate e non presenti al registro del catasto. Le operazioni militari all’estero verranno rifinanziate con ulteriori 750 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>