Quando aumentano i costi delle autostrade, a perdere sono le aziende

di GianniPug Commenta

Aumentano i costi delle autostrade, l'alternativa è cambiare tragitto per raggiungere la stessa destinazione. Come nel caso della Brebemi.

Il 2015 doveva essere un anno di rincari e si può dire che su questo fronte sia iniziato con il piede giusto. Gli automobilisti e le imprese che per guadagnare sono sempre sulla strada, non hanno ancora digerito gli aumenti legati alle autostrade e i rincari legati al trasporto su gomma

I rincari riguardano soprattutto l’autostrada e non è che se aumentano i prezzi, migliora anche il servizio, anzi! Il traffico è quotidiano e inesorabile così che il consumo medio di carburante, per lo stesso tragitto, negli anni è aumentato parecchio.

E non basta scegliere l’auto più nuova, ecologica, che consumi poco carburante. Ci sono rincari che si pagano integralmente alla fine del viaggio e alla fine del mese. Entriamo nei dettagli. Aver scelto un’auto usata, oppure aver scelto l’assicurazione che costa meno non serve quando aumenta il costo delle autostrade. L’Adusbef e Federconsumatori avevano avvisato gli automobilisti parlando di rincari fino al 9% e così è stato.

Dal primo gennaio c’è stato un adeguamento dei pedaggi che erano già aumentati del 3,9% nel 2014. Adesso alcune autostrade fanno registrare un altro aumento dell’1,50%. Si tratta di:

  • Autovie Venete
  • Brescia-Padova
  • Autocamionale della Cisa
  • Autostrada dei Fiori
  • Tangenziale di Napoli
  • Società autostrada tirrenica
  • Società autostrade valdostane
  • Torino – Savona
  • Strada dei Parchi

Ci sono anche autostrade che propongono degli sconti, ad esempio la Brebemi che ha applicato una riduzione del costo del pedaggio pari al 15% fino al 15 maggio sull’A35 e sull’arco tangenziale esterna A58. Un modo per suggerire alternative a chi resta imbottigliato sull’A4. È corretta l’operazione di marketing? La risposta è affermativa per chi quei soldi deve proprio tirarli fuori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>