Fac simile contratto intermittente o a chiamata

di Stefania Russo Commenta

Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata è una tipologia di contratto di lavoro che consente al datore di lavoro di chiamare il dipendente solo quando...

Il contratto di lavoro intermittente o a chiamata è una tipologia di contratto di lavoro che consente al datore di lavoro di chiamare il dipendente solo quando gli occorre, dando un preavviso di almeno un giorno, e lasciandolo invece a casa quando può fare a meno della sua prestazione lavorativa.


FAC SIMILE CONTRATTO DI LAVORO INTERMITTENTE O A CHIAMATA

In attuazione dell’art.4 della legge 30/2003, degli artt.33-40 del D.Lgs n.276/2003, del D.Lgs. n.251/2004 e del Decreto legge n.112/2008, viene stipulato in data … il presente contratto di lavoro a chiamata.

Il seguente contratto si intende stipulato tra … (dati del datore di lavoro) codice fiscale/partita Iva … nella persona del legale rappresentante … e … (nome e cognome del lavoratore) nato il … a … e residente in … via.. codice fiscale..

Il contratto è a tempo indeterminato con decorrenza dal …. /a tempo determinato con decorrenza dal … al …

Le prestazioni che vengono richieste al lavoratore consistono nel … e dovranno aver luogo secondo con le modalità individuate e in conformità del CCNL del settore …. Il datore di lavoro è legittimato a richiedere l’esecuzione della prestazione di lavoro, nel rispetto del preavviso, con modalità scritta, verbale e telefonica. Il lavoratore dovrà fornire rispostal entro e non oltre …….. ore dalla chiamata.

In relazione alla prestazione di lavoro eseguita il lavoratore ha diritto al trattamento economico e normativo fissato dalla contrattazione collettiva per la categoria e il livello di inquadramento.

Per tutta la durata del presente contratto il lavoratore non garantisce al datore di lavoro la disponibilità in attesa di utilizzazione/garantisce al datore di lavoro la disponibilità in attesa di utilizzazione. Il rifiuto ingiustificato del lavoratore di rispondere alla chiamata comporta: la risoluzione immediata del contratto intermittente; la restituzione della quota di indennità di disponibilità riferita al periodo successivo all’ingiustificato rifiuto; il risarcimento del danno al datore di lavoro, da parte del lavoratore, come fissato dal contratto collettivo nazionale.

Per quanto non specificatamente disciplinato si applicano le disposizioni degli articoli dal 33 al 40 del decreto legislativo n. 276/03 nonché le ulteriori e vigenti disposizioni di legge e di contratto collettivo in materia.

Letto, approvato e sottoscritto dalle parti

Luogo e data

Firma del datore di lavoro

Firma del prestatore di lavoro

Rispondi