Cartelle esattoriali via PEC

di Fabrizio Martini Commenta

L'Agenzia delle Entrate ha comunicato una fase di sperimentazione di invio di cartelle esattoriali attraverso la PEC.

pec

L’Agenzia delle Entrate ha comunicato mediante l’invio di un comunicato stampa l’avvio di un programma sperimentale che coinvolgerà solo alcune regioni pilota. Sono state scelte le regioni Lombardia, Toscana, Molise e Campania. Queste saranno utilizzate come test per l’invio della notifica delle cartelle esattoriali tramite la posta elettronica certificata, detta PEC.

L’obbligo di avere una casella di posta elettronica certificata è stato imposto dal decreto legge 185/2008: la normativa interessa tutte le imprese che sono già costituite in forma societaria e impone loro di provvedere all’adeguamento entro il 30 giugno 2012. Entro tale data avrebbe dovuto essere comunicata anche al registro delle imprese l’indirizzo di posta elettronica certificata, da acquisire tramite l’elenco pubblico dei gestori di Pec.

Sulla base di questa novità introdotta l’anno scorso, Equitalia  avrà la possibilità di iniziare a notificare le cartelle esattoriali tramite la posta certificata alle persone giuridiche come società di persone e di capitali con sede nelle regioni oggetto di sperimentazione, ossia Molise, Toscana, Lombardia e Campania.

Questo avvio sperimentale se avrà buon esito verrà sarà poi esteso a tutti i contribuenti, persone fisiche e giuridiche, di tutta Italia. La stessa Agenzia delle Entrate spera di ottenere lo snellimento delle pratiche e dei tempi della burocrazia, oltre che ottenere una riduzione dell’uso della carta e della stampa. Si raggiungeranno quindi  anche dei benefici per l’ambiente, oltre che un cospicuo risparmio dei costi.

Il comunicato stampa di Equitalia ricorda che la Posta Elettronica Certificata PEC è un mezzo di comunicazione che consente di inviare email con valore legale, e quindi è opponibile a terzi ogni email scambiata attraverso essa. L’invio di un messaggio con la PEC è equiparato infatti ad una raccomandata postale con ricevuta di ritorno grazie al quale viene individuato e registrato giorno ed orario esatto della spedizione e della ricezione.  La notifica della  cartella esattoriale della Agenzia delle Entrate ricevuta tramite Pec sarà quindi opponibile in giudizio in quanto avrà valore legale.

Rispondi