Tempi lunghi per le assunzioni

di Giuseppe Aymerich Commenta

Le imprese europee passano molto tempo prima di decidere di assumere qualcuno..

lavoro

Le imprese europee passano molto tempo prima di decidere di assumere qualcuno.

Secondo un’approfondita analisi compiuta dalla società Robert Half, specializzata nel ramo “selezioni del personale”, i direttori delle risorse umane delle imprese europee medio-grandi passano attraverso molte incertezze prima di prendere la fatidica decisione di far entrare un nuovo lavoratore in squadra.


I problemi nascono dalle difficoltà di reperire figure valide, soprattutto negli ambiti più specializzati come la finanza e il controllo di gestione. Ma anche la sovrabbondanza di disoccupati, al contrario delle apparenze, non aiuta: avendo di fronte una massa di potenziali dipendenti da esaminare, questo allunga inevitabilmente i tempi necessari prima di arrivare alla stretta di mano conclusiva.


L’analisi statistica è stata condotta in numerosi Paesi appartenenti all’Unione Europea. L’Italia si attesta nelle posizioni più alte della classifica, quelle cioè in cui occorre più tempo e più colloqui prima di siglare il contratto.

In particolare, si stima che nella nostra terra occorrano in media ben 3,3 colloqui prima che venga assunta la decisione di assunzione, laddove la media europea è pari a 2,9 e il record, proprio della Repubblica Ceca, è pari a 2,5.

Le nazioni che guidano la classifica in senso opposto, invece, sono il Belgio e il Lussemburgo. Se però si tratta di assumere figure manageriali, in Italia il numero medio dei colloqui necessari sale addirittura a 4,4.

Ma anche se si va a controllare il numero dei giorni, in Italia la situazione non è lusinghiera: dal momento in cui si decide di allargare l’organico al momento in cui si sceglie il candidato ideale trascorrono mediamente fra le otto alle dieci settimane a seconda della figura ricercata.

Rispondi