Denuncia assunzione lavoratore domestico extracomunitario

di GianniPug Commenta

L’Inps mette a disposizione un modulo per effettuare la denuncia di assunzione di un lavoratore domestico extracomunitario.

inps-large1

L’Inps mette a disposizione un modulo per effettuare la denuncia di assunzione di un lavoratore domestico extracomunitario. Tale modello è bene ricordare che deve essere obbligatoriamente utilizzato per effettuare la comunicazione del rapporto di lavoro domestico.

Il lavoratore domestico è infatti soggette alle assicurazioni sociali secondo quanto previsto nel D.P.R. n. 1403 del 31.12.1971 ai sensi dell’art. 1-ter della L. n. 102/2009. Il lavoratore extracomunitario deve infatti risultare denunciato allo Sportello unico per l’immigrazione.

Il datore di lavoro dovrà attenersi a ciò entro 24 ore dalla sottoscrizione del contratto di soggiorno. Sarà suo obbligo infatti quello di presentare una comunicazione per ogni lavoratore assunto all’Inps. Quest’ultimo provvederà poi a trasmettere i dati necessari per gli altri adempimenti ai Servizi competenti del ministero del Lavoro, della salute e delle politiche sociali, all’Inail, nonché ai Servizi regionali.

 

Il modulo per a denuncia assunzione lavoratore domestico extracomunitario è articolato in 5 sezioni. E’ necessario secondo quanto previsto dalla legge compilare tutti i campi ad eccezione di quelli indicati con l’asterisco. Tale aspetto è regolato direttamente dall’art. 1 comma 783 legge 296/2006).

La compilazione può essere effettuata seguendo le note rilasciate dall’Inps, che recitano come segue:

  • indicare il codice fiscale rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. Non sarà accettato un codice fiscale non riconosciuto dall’anagrafe tributaria
  • da compilare soltanto se diverso dall’indirizzo di residenza
  • compilare se il lavoratore svolge l’attività presso altra abitazione a disposizione del datore di lavoro
  • indicare la data di effettivo inizio del rapporto di lavoro
  • indicare, alternativamente, colf o badante
  • inserire il numero di ore settimanali, arrotondando gli eventuali decimali sempre per eccesso
  • deve essere indicata, alternativamente, la retribuzione mensile o quella oraria concordata con il lavoratore comprensiva eventualmente della maggiorazione per vitto e alloggio ma senza la quota relativa alla tredicesima
  • deve essere data risposta affermativa nei casi previsti dalla legge

Foto | Tim Sloan/AFP/Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>