Bitcoin cash: cosa sono e perché utilizzare questa nuova criptovaluta

di La Redazione Commenta

Nell’agosto del 2017 avviene la hard fork bitcoin, la famosa criptovaluta decide di ampliare il suo raggio d’azione e aggiungere una strada parallela alla sua corsia principale: nascono i bitcoin cash. Anche se si basa sul sistema bitcoin, questa nuova moneta virtuale presenta delle differenze sostanziali dalla principale, ma il mondo dell’economia risponde da subito con interesse alla novità e gli operatori finanziari iniziano a studiare le previsioni e analisi di bitcoin cash. L’attenzione per i flussi della moneta virtuale, rimane la costante per l’utilizzo delle criptovalute in maniera oculata e vantaggiosa per gli utenti.

La scissione si verifica per problemi riguardanti un mancato accordo personale fra più parti nella comunità bitcoin, pare siano entrati in gioco interessi personali che abbiano creato due fazioni sul fronte: i core developers, ossia gli operatori che si occupavano degli aggiornamenti del protocollo bitcoin e del relativo software, e i miner bitcoin, ossia gli operatori che potenziano i bitcoin attraverso la produzione dei calcoli dei server.

Perché sono nati i bitcoin cash?

Se alla base di questa scissione di bitcoin e della nascita dei bitcoin cash, vi sono interessi personali relativi al denaro, l’intenzione era soprattutto quella di migliorare la criptovaluta per rendere le transazioni più rapide e ancora più sicure. Il problema fondamentale è diviso in due questioni principali che furono il motivo del disaccordo e lo stimolo per introdurre la nuova moneta virtuale.

I bitcoin stavano diventando sempre più instabili e perdevano valore sul mercato, erano troppo volatili e diventava più difficile utilizzarli per le transazioni di acquisto e vendita. Un altro fattore importante riguardava la lentezza delle transazioni che il sistema riusciva a supportare, se ad esempio VISA riusciva a gestire circa 2000 transazioni al secondo, il sistema bitcoin non riusciva a smaltire un gran numero di transazioni e le operazioni si fermavano a circa 7 al secondo.

Di conseguenza, stavano venendo meno i principi per cui la moneta virtuale bitcoin era nata: essendo un sistema decentralizzato dalle banche che aveva la funzione di sostituire i metodi standard delle transazioni, questa lentezza veniva contro i principi di funzionalità per cui la criptovaluta era stata creata. I miner hanno rivoluzionato il sistema migliorando tecnicamente i movimenti delle transazioni, questo aveva come obbiettivo quello di rendere la criptovaluta più competitiva e di tutelare anche gli interessi dei miner, in quanto il loro guadagno deriva dalle commissioni che vengono pagate per velocizzare le transazioni che gli utenti effettuano.

Come funzionano i bitcoin cash?

Per comprendere meglio come funzionano i bitcoin cash, basta analizzare le differenze con la moneta virtuale bitcoin. I bitcoin cash hanno uno spazio maggiore per quanto riguarda le transazioni. Questo significa che le operazioni sono molto più rapide e le commissioni sono molto più basse. Questa ultima caratteristica consente di risparmiare ulteriormente sulle transazioni, c’è meno competizione ed è presente molto più spazio nei blocchi, che sono stati potenziati da 1 a 8 Megabyte.

Anche il livello di sicurezza risulta migliorato, in quanto bitcoin cash è operativo attraverso vari team indipendenti, gli aggiornamenti del network vengono gestiti in maniera più dinamica e di conseguenza il servizio è migliore in tutte le sue prospettive.

A parte queste migliorie che i bitcoin cash hanno apportato al sistema della criptovaluta bitcoin, il funzionamento della moneta virtuale è lo stesso. È possibile dunque operare transazioni finanziarie di vendita o acquisto di beni e servizi ma con condizioni migliori, in maniera più veloce e pagando commissioni più basse, ed è questo il vero e proprio vantaggio di bitcoin cash rispetto a bitcoin.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>