Nuove clausole contratto part-time

di Stefania Russo Commenta

Il lavoro part-time è una forma di lavoro subordinato caratterizzata da una quantità di ore lavorative inferiori a quelle previste per il lavoro full-time..

Il lavoro part-time è una forma di lavoro subordinato caratterizzata da una quantità di ore lavorative inferiori a quelle previste per il lavoro full-time.

Si tratta di una tipologia di contratto che sta letteralmente trainando la ripresa del mercato del lavoro, assumendo un ruolo sempre più rilevante. Secondo l’Istat, infatti, nel corso del 2010 ha subito un netto rialzo il numero di lavoratori assunti con contratto di lavoro part-time, sia a tempo determinato che a tempo indeterminato.


Ed è proprio per favorire ulteriormente la stipulazione di questa tipologia di contratti, che al contrario di tanti altri prevedono una tutela “piena” per il lavoratore (contributi, ferie, malattia, maternità., ecc.), che è stata introdotta la possibilità di inserire nuove clausole: le clausole flessibili e le clausole elastiche.

Le clausole flessibili consentono di cambiare la collocazione temporale dell’attività lavorativa, spostando ad esempio le ore di lavoro da effettuare dalla mattina al pomeriggio. La modifica viene attuata mediante un atto scritto che può essere stipulato durante qualunque fase del rapporto e che deve essere comunicato al lavoratore con un preavviso di almeno cinque giorni, salvo diverso accordo tra le parti. Il mancato rispetto di questo obbligo comporta il pagamento di una somma a titolo di risarcimento del danno.

Le clausole elastiche, invece, consentono al datore di aumentare le ore di lavoro da effettuare applicando la maggiorazione prevista dal contratto collettivo nazionale, in modo tale che queste non vengano computate come ore di lavoro straordinario. In questo caso le parti possono concordare che la modifica sia definitiva o temporanea.

Rispondi