Fac simile sollecito pagamento stipendio

di Stefania Russo 6

Il mancato pagamento dello stipendio rappresenta un inadempimento grave del datore di lavoro, motivo per il quale il lavoratore non solo ha diritto..

Il mancato pagamento dello stipendio rappresenta un inadempimento grave del datore di lavoro, motivo per il quale il lavoratore non solo ha diritto al pagamento degli interessi sullo stipendio pagato in ritardo ma anche al risarcimento dei danni derivanti dal fatto che nel frattempo non è stato in grado di far fronte ai suoi impegni economici (es. pagamento della rata del mutuo, pagamento delle bollette, ecc.).

Per far valere i propri diritti il lavoratore può rivolgersi ad un legale, prima però è consigliabile inviare al datore di lavoro una lettera di diffida tramite la quale si evidenzia il mancato pagamento dello stipendio, manifestando l’intenzione di agire legalmente.


FAC SIMILE SOLLECITO PAGAMENTO STIPENDIO

Nome e Cognome del lavoratore

Via

Cap Città

Spett.

Via

Cap Città

Oggetto: sollecito pagamento dello stipendio.

Spett. … (nome del datore di lavoro o del responsabile del personale)
con la presente intendo segnalarvi che non mi è/sono stata/e ancora corrisposta/e la/e retribuzione/i relativa/e al/ai mese/i di …, il/i cui pagamento/i secondo quanto stabilito dal contratto è/sono previsto/i entro il … di ogni mese.

Poiché tale situazione potrebbe creare ulteriori disagi alla mia situazione finanziaria, chiedo che mi venga corrisposta la somma dovuta entro e non oltre quindici giorni dal ricevimento della presente e al pagamento di tutte le somme dovute.

In caso contrario sarò costretto a far valere le mie ragioni nelle competenti sedi giudiziarie.

Luogo e data

Firma

Commenti (6)

  1. Se mi e stato versato il Tfr ho l’obligo di firmare una lettera che ho ricevuto la rispettiva somma e che non ho il diritto di chiedere più soldi?

  2. Tutti i consulenti presenti nel web si prodigano in mille consigli e offrono FAX Simile di lettere o altro ma nessuno indica la data in cui lo stipendio DEVE essere pagato.Ovvero nessuno chiarisce che non esiste una data certa. Nel caso in cui come me assunto a tempo indeterminato con contratto Commercio Terziario non esiste una data stabilita per il pagamento dello stipendio,a questo punto mi domando quando perte la mora per il datore di lavoro che non ha mai mantenuto la stessa data di pagamento con variazioni anche di 20 gg.? Sarebbe utile spiegare che tutto , dove non espressamente definito a contratto, si basa sulla CONSUETUDINE. Mi sbaglio ?

  3. N.B. Ne l’Art. 36 della Costituzione ne l’Art. 2099 del Codice Civile regolamenta tale questione.
    Qualcuno sa dirmi qualcosa di più preciso ?

  4. posso mandarla tramite pec ? , ho la residenza in un altra città rispetto a dove lavoro che via devo mettere il domicilio , posso non specificare le mensilità

  5. http://www.impresalavoro.eu/consulenza/impresa/quali-lettere-hanno-valore-legale.html
    Abbiamo risposto alla sua domanda in questo nuovo articolo: PEC e raccomandata danno valore legale ad una lettera.

  6. Se il datore di lavoro non ha corrisposto gli ultimi stipendi posso comunque chiedere le buste paga, per poter avviare una vertenza?

Rispondi