Decreti Governo Monti pagamento PA alle imprese

di Vito Verna Commenta

In particolare se la Pubblica Amministrazione pagasse le fatture dei propri fornitori entro trenta giorni, come esigerebbero sia la legge che la consuetudine, il Prodotto Interno Lordo italiano, migliorando di ben 5,3 miliardi, potrebbe aumentare di ben 3,3 punti percentuali.

Decreti Governo Monti pagamento PA alle imprese

Il rapporto, anomalo e complesso, tra i debiti ed i crediti fiscali delle imprese italiane, come forse qualcuno di voi già saprà, sarebbe uno dei più gravi problemi economici e finanziari dall’Italia che, se riuscisse a risolverlo in maniera consona ed adeguata sia all’attuale crisi di mercato sia alle più differenti esigenze delle singole realtà imprenditoriali sparse lungo tutto il territorio della Penisola, ne trarrebbe un enorme vantaggio.

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO

In particolare, stando a quanto dichiarato da Claudio De Vincenti, che del Ministero dello Sviluppo Economico sarebbe sottosegretario, sulla base dei dati raccolti ed elaborati, relativamente all’anno d’imposta 2011, dal FINEST, ovverosia dal Financial Intermediation Network of European Studies, se la Pubblica Amministrazione pagasse le fatture dei propri fornitori entro trenta giorni, come esigerebbero sia la legge che la consuetudine, il Prodotto Interno Lordo italiano, migliorando di ben 5,3 miliardi, potrebbe aumentare di ben 3,3 punti percentuali.

CALCOLO TREDICESIMA MENSILITÀ

Cifre letteralmente enormi che lascerebbero chiaramente intuire, con tutta la propria devastante concretezza, come il problema al quale accennavamo in apertura sia uno di quelli meritevoli di enormi attenzioni.

FINANZIAMENTI AGRICOLTURA PER LE DONNE

A tal proposito, dunque, ben vengano i tre decreti che il Governo Monti, sempre stando alle parole di De Vincenti, avrebbe tutte le intenzioni di proporre, e naturalmente approvare, proprio allo scopo di garantire una più rapida, agevole e concreta compensazione dei debiti detenuti dalla Pubblica Amministrazione nei confronti delle aziende italiane.

Rispondi