Fondi regionali per la formazione continua

di Lucia Guglielmi Commenta

Si chiama “Focs”, ed è un Bando che, con una dotazione finanziaria complessiva pari a 4 milioni di euro, nella Regione Sardegna mira ad incentivare la formazione continua presso le imprese operanti sul territorio sardo.

Si chiama “Focs“, ed è un Bando che, con una dotazione finanziaria complessiva pari a 4 milioni di euro, nella Regione Sardegna mira ad incentivare la formazione continua presso le imprese operanti sul territorio sardo. Il progetto nei giorni scorsi è stato annunciato da Antonello Liori, Assessore al Lavoro della Regione Sardegna, e rientra nel “Piano straordinario per il lavoro” varato dall’Amministrazione regionale a sostegno dell’occupazione in una fase particolarmente difficile e critica nell’Isola.

Il Bando Focs porterà benefici tangibili soprattutto alle piccole realtà imprenditoriali che spesso non hanno risorse da destinare alla formazione ed all’aggiornamento delle competenze. C’è tempo ora da parte delle imprese fino e non oltre le ore 13 del 30 novembre del 2011 per presentare le domande di accesso ai fondi regionali che sono stati stanziati.



LAVORO E NUOVE OPPORTUNITA’ IN SARDEGNA

Il Bando Focs sarà presentato lunedì prossimo, 14 novembre del 2011, ad Oristano; a farlo presente con una nota è stata proprio la Regione Sardegna nel ricordare come possano presentare la domanda di accesso gli enti bilaterali, le agenzie formative che risultano essere regolarmente accreditate dalla Regione, e le imprese anche in associazione temporanea.

FONDO DI GARANZIA PMI NELLA REGIONE SARDEGNA

Entro e non oltre il prossimo 30 novembre del 2011 la domanda di accesso al Bando Focs dovrà essere inoltrata a Cagliari al Servizio della governance della formazione professionale – Assessorato regionale del Lavoro, della formazione professionale, della cooperazione e della sicurezza sociale che si trova al numero 1 di via XXVIII febbraio. Per il Bando Focs l’Avviso pubblico si può visionare e scaricare dal sito Internet www.regione.sardegna.it.

Rispondi