Accertamento con adesione

di Giuseppe Commenta

In realtà, l’istituto in questione si chiama “accertamento con adesione” ed è uno strumento..

evasione fiscale di valentino rossi

In numerosi casi di accertamenti fiscali ai danni di celebri personalità del mondo dello sport e dello spettacolo (si pensi ai casi di Luciano Pavarotti o di Valentino Rossi), si è sentito spesso gli organi di informazione affermare che le vicende si sono chiuse con il “patteggiamento”, richiamando un termine tipico della procedura penale.

E spesso l’opinione pubblica ha avuto da ridire su queste conclusioni, ritenendole un inaccettabile regalo fatto a favore di personaggi più o meno influenti.


In realtà, l’istituto in questione si chiama “accertamento con adesione” ed è uno strumento ammesso per ogni contribuente nei guai con il Fisco, al presentarsi di date condizioni, anche se forse il comune cittadino non ne è a conoscenza.

L’accertamento con adesione fu istituito nel 1997 dall’allora ministro Visco come uno degli strumenti cosiddetti “deflattivi del contenzioso tributario”, ossia diretto ad evitare che una controversia fra il contribuente e il Fisco possa trascinarsi fino alle commissioni tributarie, facendo in modo che entrambe le parti siglino invece un accordo che soddisfi entrambe.

Visti i buonissimi risultati ottenuti negli anni, l’attuale ministro Tremonti ha scelto di potenziare lo strumento affiancandogli una variante, l’adesione al PVC (processo verbale di constatazione), per certi versi ancora più premiante per il contribuente e per altri più penalizzante.

Nelle prossime puntate daremo vita ad una breve guida ai due istituti, di sicuro interesse per la vasta platea dei contribuenti.


È bene indicare subito quali sono i principi che li guidano: si vuole incentivare il comportamento spontaneo del contribuente, che anziché contestare gli accertamenti subiti preferisce sedersi ad un tavolo con i funzionari del Fisco e calcolare insieme l’esatto ammontare delle somme dovute.

L’atteggiamento volenteroso del contribuente è premiato con un notevole sconto sulle sanzioni comminate, fermo restando comunque l’intero pagamento dell’imposta dovuta.

Rispondi