Cessioni e acquisti intracomunitari

di Giuseppe Aymerich Commenta

Con l’abolizione delle frontiere interne per il traffico di merci fra gli Stati membri dell’Unione Europea, il 1° gennaio 1993, è entrato..

unione-europea

Con l’abolizione delle frontiere interne per il traffico di merci fra gli Stati membri dell’Unione Europea, il 1° gennaio 1993, è entrato in vigore un sistema fiscale nuovo, quello delle operazioni intracomunitarie, ben noto oggi a coloro che effettuano frequenti operazioni con la Francia, la Germania, i Paesi dell’Est.

Secondo la disciplina oggi vigente, che prevede l’assoggettamento ad IVA nel Paese di destinazione, le cessioni intracomunitarie sono operazioni non imponibili ai fini dell’imposta sul valore aggiunto: questo significa che dovranno essere regolarmente fatturate e l’ammontare entrerà a far parte del volume d’affari, ma non si applicherà il tributo.


Più complesso il discorso degli acquisti intracomunitari: poiché l’operazione non è imponibile da parte del fornitore estero, sarà l’acquirente italiano a dover integrare manualmente la fattura.

Egli dovrà infatti calcolare il controvalore in euro (se la valuta originaria è differente) e calcolare l’IVA sull’operazione secondo le aliquote e le norme proprie della legge italiana, e riportare questo valore sulla fattura, in modo che il bene acquistato sia “Ivato” (termine orribile ma di uso comune) per le transazioni successive sul territorio nazionale.

Per consentire, allo stesso tempo, che l’imposta mantenga il profilo di neutralità per l’imprenditore, l’ammontare dell’imposta sarà registrato e conteggiato tanto a credito quanto a debito sui registri contabili, perché il saldo sia zero.


Il discorso è tutto sommato immediato quando l’oggetto dell’operazione sono beni tangibili; diviene un po’ più complicato quando si ha a che fare con una prestazione di servizi, prestata magari via Internet, per le difficoltà di individuare l’esatta territorialità dell’operazione.

Le leggi europee prevedono una casistica molto dettagliata per sciogliere i nodi più comuni sul tema.

Rispondi