Nuove start up innovative

di Roberto Rais Commenta

Gli ultimi emendamenti approvati apportano alcune importanti modifiche di rilievo sul fronte delle start up innovative che erano state introdotte mediante il dl 18/10/2012 n. 179, convertito con modificazioni con legge 17/12/2012 n. 221.

incentivi imprese innovazione organizzativa tecnologica

Gli ultimi emendamenti approvati apportano alcune importanti modifiche di rilievo sul fronte delle start up innovative che erano state introdotte mediante il dl 18/10/2012 n. 179, convertito con modificazioni con legge 17/12/2012 n. 221. Cerchiamo dunque di comprendere quali sono le modifiche effettuate all’ordinamento previgente, e in che modo tali integrazioni andranno ad impattare sulla vita delle start up innovative.

Principalmente, in questa ipotesi le correzioni riguardano prevalentemente i criteri di accesso al regime agevolativo che viene esteso anche in presenza di ulteriori requisiti e concesso, quindi, con modalità meno restrittive (tra i vari approfondimenti, vedi anche novità srl a 1 euro, delle quali abbiamo parlato pochi giorni fa).

In maniera più specifica e particolare, viene emendato parte dell’art. 25 della legge in questione, con i seguenti punti di attenzione:

  1. Abrogazione della disposizione che richiedeva a soci persone fisiche al momento della costituzione e per i successivi 24 mesi, di detenere la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto nell’assemblea ordinaria;
  2. Diminuzione dal 20 al 15 per cento dell’importo delle spese di ricerca e di sviluppo rispetto al maggiore valore fra il costo e il valore della produzione, richieste alle società per poter essere efficacemente qualificate come start up;
  3. Introduzione di una nuova possibilità di rientrare nel regime agevolato alle società con almeno i due terzi della forza lavoro costituita da persone in possesso di una laurea magistrale;
  4. Estensione della possibilità di utilizzo del regime premiale anche alle società che risultano essere titolari di un software originale registrato presso la Siae. In altri termini, le misure vengono estese a più imprese, soprattutto quelle relative al campo dell’economia digitale.

In tal proposito, vi ricordiamo che proprio ieri abbiamo approfondito alcuni utili aspetti relativi alle nuove modifiche intervenute sulle società, con particolare focus sulle integrazioni effettuate sul funzionamento delle c.d. Srl semplificate, e sull’eliminazione delle denominazioni di srl a capitale ridotto.

Rispondi