Redigere un contratto: la causa e la forma

di Giuseppe Aymerich Commenta

La causa è definibile come la funzione giuridico-economica sottesa al contratto. In pratica, ci indica quali sono gli effetti dell’atto..

La causa è definibile come la funzione giuridico-economica sottesa al contratto. In pratica, ci indica quali sono gli effetti dell’atto: per esempio, nella compravendita la causa è costituita dalla cessione di un bene in cambio di un corrispettivo in denaro.

La causa non deve essere contraria alla legge, all’ordine pubblico e al buoncostume, e non va confusa con i motivi che spingono il singolo individuo a stipulare il contratto.


In genere, infatti, il motivo non assume particolare rilievo: se Tizio acquista un oggetto da Caio, per quest’ultimo non importa se intende tenerlo per sé o cederlo ad un’altra persona.

C’è però un’eccezione: se il motivo che ha spinto tutti i contraenti a stipulare l’atto è il medesimo ed è illecito, il contratto è nullo.


Perché un contratto sia valido, normalmente, non occorrono forme particolari: nel nostro ordinamento, infatti, vige il principio generale della libertà di forma. Questa regola, però, trova un’eccezione nell’art. 1350 cod.civ., che stabilisce (a pena di nullità) per alcune tipologie di contratto la forma scritta: l’atto pubblico o la scrittura privata.

Il discorso riguarda alcuni beni le cui vicende sono considerate così rilevanti da necessitare della forma scritta: i beni immobili e i beni mobili iscritti in pubblici registri (veicoli a motore, imbarcazioni, velivoli).

Tutti gli atti inerenti la proprietà su questi beni, o altri diritti reali (superficie, enfiteusi, usufrutto, uso, abitazione, servitù) sugli stessi, oppure diritti di godimento (per esempio, i contratti di locazione) di durata superiore ai nove anni necessitano della forma scritta.

Ma anche le parti possono accordarsi per imporre una forma particolare a contratti altrimenti privi di vincoli legali. Questo avviene, ad esempio, quando una clausola stabilisce che eventuali modifiche al contratto sono possibili solo se stipulate in forma scritta.

Rispondi