Stretta sui permessi per disabili nella Legge di stabilità 2013

di Stefania Russo 5

Tra le varie misure contenute nel testo della Legge di stabilità per l'anno 2013, approvato questa notte dal Consiglio dei ministri...

Tra le varie misure contenute nel testo della Legge di stabilità per l’anno 2013, approvato questa notte dal Consiglio dei ministri, figura anche una stretta sui permessi previsti dalla legge 104/1992 a favore del disabile o per la cura di parenti affetti da handicap.

In particolare, la nuova normativa prevede che i tre giorni al mese che spettano al lavoratore dipendente per l’assistenza di un parente disabile in determinati casi siano retribuiti non integralmente ma solo al 50%.


Il dimezzamento delle retribuzione spettante, tuttavia, riguarderebbe solo i permessi di cui il lavoratore fruisce per l’assistenza ai genitori disabili, in quanto la norma prevede che la retribuzione per tali giorni di astensione dallo svolgimento della prestazione lavorativa continui ad essere pagata integralmente qualora i permessi vengono fruiti dal disabile stesso oppure per l’assistenza ai figli o al coniuge.

Inutile dire che la nuova norma che modifica parte del sistema di retribuzione previsto per permessi a parenti disabili ha già scatenato un mare di polemiche. Sono in molti, infatti, ad aver parlato di una vera e propria discriminazione, in quanto non si riesce a capire la logica per la quale è stato deciso di assoggettare ad un diverso trattamento retributivo i permessi presi per assistere il figlio o il coniuge disabile e quelli presi invece per assistere un genitore portatore di handicap. Secondo alcuni, inoltre, questa modifica costringerà diversi anziani disabili ad abbandonare il proprio domicilio per essere trasferiti in strutture assistenziali.

Commenti (5)

  1. con questa modifica sui permessi 104 mensili non solo si costringe all’abbandono a se stesso, un famigliare che comunque è diretto come madre e padre penso che abbiano diritto anche loro e specialmente come il sottoscritto che e figlio unico come devo fare? Spero che il ministro ho il sig.Monti si faccia un mea culpa che comunque prima o poi ci passera’ pure lui così si vedrà toccando con mano i veri problemi della vita. peccato comunque che se succederà però ripeto succederà lui avrà una pensione che con tutto rispetto potrà permettersi non una badante ma un’intera clinica a sua disposizione, invece mia madre prende una miseria di pensione e quindi non può neanche uscire da casa. L’unico sostentamento che potrbbe avere e quello del sottoscritto e comunque come stanno andando le cose non prenderò neanche più i tre giorni della 104, fatto i conti con le dita perdrò sullo stipendio più di duecento euro lo stato come cazzo mi risolve i miei problemi…..grazie – rispondetemi con la disperazione non si scherza molta attenzione devono fare queste sanguisughe.

  2. Questo provvedimento, secondo me, è disumano perchè colpisce, come al solito, le categorie di persone piu’indifese, parlo nel mio caso di mia madre che ha 96 anni e mezzo ed è affetta da demenza senile progressiva con afasia nominum, ovvero non parla piu’e passa la sua vita infelice tra il letto e la sedia a rotelle. Mia madre è la mia ragione di vita e voglio continuare ad assisterla in casa con amore come ho fatto fino adesso e mi auguro che la legislazione vigente relativa ai permessi della legge 104/92 possa continuare ad esistere cosi’come è senza decurtazioni economiche.Non si può pensare di salvare il bilancio statale sulle disgrazie. Adria

  3. ..per assistere mia madre invalida al 100%con accompagnamento ho usufruito di un anno di congedo retribuito dal 01/01/2012 che terminerà il 31/12/2012, visto l’aggravarsi delle patologie di mia madre ottantenne,volevo usufruire del secondo anno spettante..ma economicamente non posso permettermi di farmi decurtare la retribuzione del 50% volevo sapere se la legge già è in vigore e se no..da quando andrà in vigore..grazie

  4. è stata confermata questa decurtazione nella legge di stabilità, per l’anno 2013?

  5. x tagli del 50x cento riquarda anche privati da quanto sara in vigore sono settore alberghiero come verranno calcolati i 2 anni considerando le giornate lavorative ho iniziato il congedo ottobre 2011 quando rientro a lavoro possibile prolungare grazie

Rispondi