Permessi elettorali e riposi compensativi

di Stefania Russo 2

In vista delle imminenti elezioni amministrative, la Fondazione Studi dei consulenti del lavoro ha redatto una vera e propria guida al fine..

In vista delle imminenti elezioni amministrative, la Fondazione Studi dei consulenti del lavoro ha redatto una vera e propria guida al fine di chiarire il trattamento spettante ai lavoratori che si assentano per partecipare alle elezioni a titolo di presidenti di seggio, segretari e scrutatori, nonchè ai rappresentanti di lista, rappresentanti dei partiti o promotori di referendum.

I giorni di assenza per svolgere una di queste mansioni, ha chiarito la Fondazione Studi, sono considerati dalla legge giorni di attività lavorativa a tutti gli effetti.


Per questo motivo, nel caso in cui le giornate di lavoro presso i seggi elettorali dovessero coincidere con giorni festivi o non lavorativi, il lavoratore avrà diritto a giorni di riposo compensativo o a specifiche quote retributive che si vanno ad aggiungere all’ordinaria retribuzione normalmente spettante.

Il lavoratore, dunque, nel caso in cui uno o più giorni di lavoro presso i seggi elettorali dovessero coincidere con giorni festivi (domenica) o normalmente non lavorati (sabato in caso di settimana corta), può scegliere se godere dei riposi compensativi o delle retribuzione aggiuntiva.

Per quanto riguarda la fruizione dei riposi compensativi, in particolare, secondo l’orientamento della Corte Costituzionale il lavoratore deve utilizzarli nei giorni immediatamente successivi al quelli di lavoro presso i seggi o comunque entro pochi giorni. In altre parole, dunque, il lavoratore ha diritto a rimanere a casa nel giorno successivo alla chiusura del seggi, o nei due giorni successivi se il sabato non è lavorativo, oppure può rinunciare a tali riposi e ottenere una maggiore retribuzione.

Commenti (2)

  1. Salve, vorrei sapere se tale trattamento o parte di esso spetta anche a chi ha un contratto a progetto.

    Grazie mille

  2. Potreste indicarmi la normativa in cui è specificato che, in caso di non godimento del riposo compensativo, il lavoratore (contratto di apprendistato, sabato e domenica non lavorativi) ha diritto ad una retribuzione aggiuntiva.
    Vorrei inoltre sapere come dovrebbe essere calcolata la retribuzione aggiuntiva.
    Grazie

Rispondi