Prospetto disabili, entro gennaio l’invio

di Giuseppe Aymerich Commenta

Tutte le imprese di medie e grandi dimensioni sono tenute ad assumere all’interno del proprio organico una certa..

Tutte le imprese di medie e grandi dimensioni sono tenute ad assumere all’interno del proprio organico una certa quota di persone secondo precise proporzioni rispetto al totale della forza-lavoro: è il sistema noto come “collocamento obbligatorio” ed è l’unica ipotesi di questo genere rimasta in piedi dopo le rivoluzioni degli ultimi vent’anni che hanno di fatto soppresso il tradizionale sistema di collocamento.


Il prospetto può essere inviato direttamente o mediante intermediari abilitati, come le associazioni di categoria o i consulenti del lavoro. In tutti i casi, l’invio può avvenire esclusivamente per via telematica, e deve rappresentare la fotografia dell’organico aziendale alla data del 31 dicembre 2009.

Perché le istituzioni possano verificare il corretto adempimento da parte delle aziende dell’obbligo del collocamento obbligatorio, infatti, i datori di lavoro sono tenuti annualmente, entro il mese di gennaio, a inviare una dichiarazione (il cosiddetto “prospetto disabili”) che riepiloga l’intera situazione dell’organico. La scadenza è dunque indifferibilmente il 31, anche se cade di domenica.

Quanto alle imprese che, per la prima volta, raggiungono nel corso dell’anno un numero di dipendenti pari a quattordici (che è il minimo che fa scattare l’obbligo per l’assunzione di un appartenente alle categorie protette), l’invio telematico deve avvenire entro i sessanta giorni successivi.

In ottica di semplificazione da quest’anno c’è una novità: non sono obbligate alla spedizione tutte le aziende per cui, rispetto all’invio dell’anno scorso, non hanno registrato variazioni nella forza-lavoro.


Destinatarie dell’invio telematico sono le Regioni competenti; non tutte, però, si sono dotate della strumentazione hardware e software necessaria per consentire l’adempimento dell’obbligo. In queste ipotesi, il ministero del Lavoro ha predisposto un servizio telematico provvisorio a livello nazionale, cui sarà possibile inviare i prospetti nel tempo necessario affinché le singole Regioni interessate si mettano in regola.

Rispondi