Caos nelle concessioni dei servizi museali

di Giuseppe Aymerich Commenta

Tutti i servizi aggiuntivi di cui si può fruire nei musei pubblici (bar, librerie, merchandising ecc.) sono affidati in concessione tramite periodiche gare pubbliche di appalto..

museo_del_prado_galleria_centrale

Tutti i servizi aggiuntivi di cui si può fruire nei musei pubblici (bar, librerie, merchandising ecc.) sono affidati in concessione tramite periodiche gare pubbliche di appalto. Ma ormai da tempo si registra in questo settore il caos assoluto.

Moltissime concessioni sono scadute, e non c’è nuova gara di appalto che non finisca davanti al TAR per ricorsi e controricorsi.


Sono allo studio da parte del ministero dei Beni Culturali nuove regole per le gare e nuovi criteri per la scelta dei concessionari, ma allo stato attuale la realtà è che le concessioni esistenti vengono spesso prorogate tacitamente sine die, per non assestare una botta pesante alla nostra industria turistica.
Si può facilmente immaginare, infatti, quale sarebbe il danno all’immagine della nostra organizzazione turistica se i visitatori stranieri se non trovassero neanche un bar alle rovine di Pompei oppure un negozio di merchandising presso gli Uffizi. Va anche ricordato che, soprattutto per i musei minori, si tratta frequentemente di entrate cruciali per la sopravvivenza.

Ma queste proroghe sono tutt’altro che gradite all’Autorità per la Concorrenza e il Mercato, che ha sollevato il tema parecchie volte, dato che per il garante Antitrust ciò viola i più elementari diritti degli aspiranti nuovi concessionari. Basti dire che le concessioni presso il museo di Boscoreale (NA) sono scadute nel marzo 2000 e tuttora non si è avuto il rinnovo.


D’altronde, i nostri musei sono molto indietro rispetto ai concorrenti esteri anche per altri versi. Guide e didascalie in lingua straniera introvabili, orari e giorni di apertura spesso insensati, file interminabili per i biglietti, rarità della possibilità di prenotare on line.

Tutti aspetti su cui occorrerà lavorare a fondo, dato che la Francia, nostra concorrente più diretta, ci surclassa sotto tutti i punti di vista.

Rispondi