Contributi in conto capitale per internazionalizzazione imprese

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Il Bando poggia su una dotazione finanziari pari a 10 milioni di euro da concedere con la formula del contributo in conto capitale per sostenere le spese e gli investimenti per l’internazionalizzazione.

Promuovere il proprio marchio al di fuori dei confini italiani, ed anche investire per crescere all’estero, ovverosia per rafforzare quelli che sono i processi e le azioni di internazionalizzazione. Sono queste le finalità principali per cui in questi giorni in Toscana, sul Bollettino Ufficiale della Regione, è stato pubblicato un apposito Bando a favore dell’internazionalizzazione delle imprese operanti sul territorio.

In particolare, il Bando poggia su una dotazione finanziari pari a 10 milioni di euro da concedere con la formula del contributo in conto capitale per sostenere e coprire le spese e gli investimenti per l’internazionalizzazione.



ADDIZIONALE REGIONALE IRPEF AUMENTA IN TOSCANA

I termini per la presentazione delle domande si aprono proprio oggi, giovedì 12 gennaio del 2012, per poi chiudersi il prossimo 23 marzo. Il contributo in conto capitale, in accordo con quanto riporta il sito Internet della Regione Toscana, dal quale è possibile visionare e scaricare il Bando, è a fondo perduto ed è in grado di coprire ben il 50% degli investimenti effettuati e giudicati ammissibili.

FINANZIAMENTI PER AMMODERNARE LE AZIENDE AGRICOLE

Sono ammessi, tra l’altro, gli investimenti per la partecipazione a fiere ed a saloni all’estero, per ideare nuovi marchi, per creare nuove strutture per la logistica all’estero, nonché per creare degli uffici al di fuori dei nostri confini. Le domande possono essere presentate non solo dalla singola PMI, ma anche dai consorzi e dalle imprese in raggruppamento temporaneo. In questi casi il massimale di contributo concedibile in conto capitale può anche arrivare ad 1 milione di euro.

Rispondi