Calcolo base imponibile Imu per immobili di imprese non accatastati

di Vincenzo Cocozza Commenta

base imponibile IMU

Con il Decreto del 5 aprile 2012, pubblicato in G.U. n. 85 dell’11 aprile 2012, sono stati aggiornati i coefficienti per determinare la base imponibile IMU 2012 degli immobili classificabili nella categoria “D”, non censiti al Catasto, di proprietà delle imprese.

Come previsto negli anni passati per l’ICI, la base imponibile ai fini IMU per gli immobili di classe “D” è così determinata, in base all’art. 5 del D. Lgs n. 504/92:

CODICI TRIBUTO IMU

Per i fabbricati iscritti in Catasto moltiplicando la rendita catastale rivalutata per uno specifico coefficiente (valore catastale);

Per i fabbricati classificati come “D”, non iscritti in Catasto, interamente posseduti da imprese e distintamente contabilizzabili, la base imponibile è il valore risultante dalle scritture contabili, al lordo delle quote di ammortamento, rivalutato per appositi indici annualmente aggiornati da uno specifico Decreto Ministeriale (valore contabile);

Per i fabbricati non iscritti in Catasto, e diversi dai precedenti, la base imponibile è calcolata con riferimento alla c. d. “rendita proposta”.

CLASSIFICAZIONE CATASTALE IMMOBILI

Per gli immobili che rientrano nella seconda categoria, per i quali non è possibile stimare una rendita certa non essendo iscritti in Catasto, la base imponibile IMU è dunque determinata individuando l’ammontare del costo di costruzione o d’acquisto, più eventuali spese incrementative, cui va applicato il coefficiente corrispondente all’anno in cui è stata sostenuta la spesa.

CALCOLO RENDITA CATASTALE IMMOBILE

Di seguito sono riportati i coefficienti aggiornati da utilizzare per calcolare l’IMU dovuta nel 2012: per l’anno 2012 = 1,03; per l’anno 2011 = 1,07; per l’anno 2010 = 1,09; per l’anno 2009 = 1,10; per l’anno 2008 = 1,14; per l’anno 2007 = 1,18; per l’anno 2006 = 1,21; per l’anno 2005 = 1,25; per l’anno 2004 = 1,32; l’anno 2003 = 1,36; per l’anno 2002 = 1,41; per l’anno 2001 = 1,45; per l’anno 2000 = 1,49; per l’anno 1999 = 1,52; per l’anno 1998 = 1,54; per l’anno 1997 = 1,58; per l’anno 1996 = 1,63; per l’anno 1995 = 1,68; per l’anno 1994 = 1,73; per l’anno 1993 = 1,76; per l’anno 1992 = 1,78; per l’anno 1991 = 1,81; per l’anno 1990 = 1,90; per l’anno 1989 = 1,99; per l’anno 1988 = 2,07; per l’anno 1987 = 2,25; per l’anno 1986 = 2,42; per l’anno 1985 = 2,59; per l’anno 1984 = 2,77; per l’anno 1983 = 2,94; per l’anno 1982 e anni precedenti = 3,11.

CALCOLO IMU

Il valore ottenuto può essere utilizzato fino all’attribuzione di rendita certa da parte dell’Agenzia del Territorio. La determinazione della base imponibile illustrata non si applica agli immobili per i quali è stata richiesta la procedura automatica di classamento attraverso Docfa, che permette al contribuente di avanzare una proposta di rendita.

Rispondi