Come rateizzare le tasse

di Francesco Di Cataldo Commenta

Rateizzare le tasse è possibile, ma per farlo è necessario fare la domanda in carta bollata da 14,62 euro all'agenzia territoriale competente..

Se fino a qualche anno fa l’Italia era un popolo di risparmiatori, oggi l’italiano medio è un rateizzatore, ovvero uno che cerca di rateizzare qualsiasi cosa.

Nell’ultimo periodo infatti, grazie anche agli ottimi tassi di interesse, è possibile effettuare un pagamento rateale per qualsiasi cosa e così si è iniziato a rateizzare il telefono, il frigo, la televisione e perchè no, anche le tasse.



La rateizzazione delle tasse è diventata ormai la prassi per milioni di contribuenti che devono effettuare il pagamento delle tasse in genere per importi inferiori ai 5000 euro. Rateizzare le tasse è possibile, ma per farlo è necessario fare la domanda in carta bollata da 14,62 euro all’agenzia territoriale competente che deve verificare se questo è possibile in base anche alla documentazione portata che dovrebbe certificare la difficoltà finanziaria del contribuente.

I moduli da presentare per rateizzare le tasse si possono trovare sul sito internet di equitalia (equitaliaspa.it) e si possono scaricare e stampare prima della presentazione debitamente compilata. Da inizio anno sono state presentare richieste per un importo di poco lontano dai 15 miliardi di euro per un totale di circa un milione di richieste.

La rateizzazione è possibile farla solamente per il saldo, ma non per gli acconti di novembre e la rateizzazione è possibile pagando una percentuale di interessi che giustifica il ritardo. La percentuale è del 4% e quindi risulta essere un’ottima soluzione poichè meno del classico fido bancario. Il numero di rate è variabile fino a un massimo di 6 rate trimestrali.

Rispondi