Come pagare la regolarizzazione di colf e badanti

di Giuseppe Aymerich Commenta

Il nuovo modello “F24 versamenti con dati identificativi”, oltre a continuare ad essere impiegato per il pagamento dell’IVA sulle immatricolazioni di veicoli acquistati in altri Stati..

colf-e-badanti

Il nuovo modello “F24 versamenti con dati identificativi”, oltre a continuare ad essere impiegato per il pagamento dell’IVA sulle immatricolazioni di veicoli acquistati in altri Stati comunitari, ha ora trovato un nuovo campo d’applicazione: la regolarizzazione di colf e badanti.
D’altronde, il restyling del vecchio modello è stato adottato proprio in vista del pagamento di questa somma, e in futuro forse si individueranno altri campi d’applicazione.


Il versamento, com’è noto, è pari a cinquecento euro per lavoratore e deve essere eseguito a partire dal 21 agosto presso qualsiasi sportello bancario o negli uffici postali. È possibile pagare anche per via telematica, ma esclusivamente servendosi dei servizi on line dell’Agenzia delle Entrate, con esclusione dunque dell’home banking.


Come si compila il modello? A parte i dati anagrafici del dichiarante (codice fiscale, cognome e nome, data e luogo di nascita, sesso, domicilio fiscale), il corpo del modello contiene cinque colonne e numerose righe, ognuna delle quali va compilata in rapporto ad un lavoratore differente.
Nella prima colonna (“tipo”), che identifica la tipologia di operazione che è regolata tramite F24, va indicato il codice “R”.

La seconda colonna deve contenere gli elementi identificativi del lavoratore: dunque, il codice fiscale per italiani e comunitari (o, in caso di sua mancanza, il numero di un documento d’identità in corso di validità) e i primi diciassette caratteri del numero di passaporto o documento equipollente in caso di lavoratore extracomunitario.

La distinzione importa anche per la terza colonna (“codice”): va indicato rispettivamente RINT in caso di cittadino italiano o comunitario e REXT in caso di extracomunitario.
Quindi, nella colonna “anno di riferimento” va inserito “2009” e, nell’ultima, l’importo di 500 euro per lavoratore.
Infine, occorre indicare il saldo totale del pagamento, data e firma.

Rispondi