Lettera di motivazione Erasmus

di Stefania Russo Commenta

Il progetto Erasmus è molto ambito dagli studenti in quanto consente, grazie a specifiche convenzioni tra le diverse università...

Il progetto Erasmus è molto ambito dagli studenti in quanto consente, grazie a specifiche convenzioni tra le diverse università, di compiere una parte del proprio percorso di studi presso un ateneo straniero, frequentando e sostenendo lì corsi ed esami.

Si tratta quindi indubbiamente di un’esperienza formativa importante per uno studente e che gli consentirà tra le altre cose di approfondire la conoscenza della lingua straniera del paese in cui si recherà per un periodo di tempo variabile e prolungabile. Un qualcosa che indubbiamente gli tornerà utile una volta che avrà terminato gli studi e che entrerà nel mondo del lavoro.

LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

Ma poter fare un’esperienza del genere non sempre è possibile. Le borse di studio a sostegno di tale progetto sono infatti limitate e gli aspetti che vengono presi in considerazione ai fini della graduatoria finale sono diversi. Tra gli elementi che determinano la posizione del candidato nella graduatoria finale figura anche la cosiddetta lettera di motivazione, che non deve affatto essere sottovalutata in quanto rappresenta un importante elemento ai fini della valutazione complessiva.

LETTERA DI MOTIVAZIONE PER CV

Si tratta di una lettera personale, quindi non è possibile ricorrere a fac-simile o modelli presenti su internet, soprattutto perché si rischia di creare una lettera poco efficace e magari che è già stata proposta al soggetto che andrà a leggerla. Il consiglio è quello di concentrarsi sulle motivazioni riguardanti lo studio, è bene quindi spiegare le ragioni che vi hanno spinto a scegliere una sede anziché un’altra, spiegando ad esempio che in quella università è presente un corso che vi piacerebbe seguire o è dotata di specifici laboratori. Parlate inoltre dei vantaggi derivanti da questa esperienza e della possibilità di apprendere una nuova lingua.

In ogni caso cercate di non dilungarvi troppo, l’ideale sarebbe non superare una pagina, inoltre è sempre meglio dividere il corpo del testo in più porzioni in modo da rendere più piacevole la lettura.

Rispondi