Microsoft contro Apple

di Francesco Di Cataldo Commenta

Per l'iPhone ci sono già in lista ben un milione di richieste di acquisto e questo andrà a sbaragliare il mercato del prodotto..

logo della apple

Come tutti sannno, Microsoft e Apple hanno sempre bisticciato.

Tutto ebbe inizio molti anni fa quando Steve Jobs e Mike Markkula fondarono la Apple Computer Inc. (ora solo Apple Inc.) con lo scopo di creare e commercializzare computer di alta qualità anche per il pubblico di casa e naquerò così i personal computer, ma nello stesso periodo (metà anni 80′) Bill Gates presentò il suo prodotto IBM-compotabile con un sistema operativo molto meno costoso di quello di Apple e con caratteristiche di poco inferiori ma grazie al prezzo decisamente più basso Microsoft riuscì a conquistare ampie fette di mercato garantendosi la prima classe delle vendite per gli anni successivi e la produzione a Silicon Valley diventò incessante.




I Macintosh della Apple invece, per colpa del prezzo alto, non riuscivano a soddisfare il pubblico e spesso Apple dovette scendere a compromessi per evitare il fallimento.

Per riuscire a vendere la Apple, che deteneva solamente il 5% delle vendite, puntò moltissimo sulla pubblicità garantendosi spazi pubblicitari all’interno del super Bowl e all’interno di molti film
ma questo non bastava e nel 1996 Jobs dovette annunciare l’acquisto di 150 milioni di azioni Apple da parte di Microsoft con un accordo che prevedeva l’inserimento di Internet Explorer su tutti i Mecintosh venduti e renderli compatibili ai programmi per Windows.

Qualche anno dopo però Jobs riuscì a ricomprare le azioni detenute da Microsoft riuscendo a guadagnare qualche fetta di mercato grazie anche all’apertura nel 2001 degli Apple Store e alla presentazione dell’ IPOD diventato ora un fenomeno mondiale senza paragoni.

Con L’IPOD si possono ascoltare brani musicali di alta qualità, vedere i film in formato digitale grazie anche al collegamento diretto con la televisione.

Jobs sembra proprio aver trovato la strada per il successo nelle vendite e adesso detiene il monopolio del commercio dei lettori multimediali e adesso anche del nuovissimo IPHONE 3 che permette a chiunque di telefonare, navigare in internet ascoltare musica e vedere film grazie anche all’Apple Wide Screen e non solo.

Per l’iPhone ci sono già in lista ben un milione di richieste di acquisto e questo andrà a sbaragliare il mercato del prodotto Origami di Microsoft che non ha avuto grande successo e non Microsoft non ha mai voluto nemmeno pubblicizzarlo come invece avrebbe dovuto.

Rispondi