Pubblicità sui social network

di Stefania Russo Commenta

Oltre al marketing tribale e al marketing digitale, tra le nuove forme di strategie di marketing scelte dalla imprese figura anche la..

Oltre al marketing tribale e al marketing digitale, tra le nuove forme di strategie di marketing scelte dalla imprese figura anche la pubblicità sui social network, soprattutto Facebook e Twitter.

La potenzialità di questi strumenti è stata percepita non solo dalle piccole aziende, che puntano alla pubblicità sui social network in quanto hanno scarse risorse da investire nella promozione dell’azienda e dei prodotti, ma anche e soprattutto le grandi aziende che nel corso degli ultimi anni hanno percepito la tendenza degli utenti ad acquistare un prodotto solo dopo aver verificato la popolarità e l’indice di gradimento del marchio tra i loro coetanei, la maggior parte dei quali utilizza i social network per comunicare e condividere.


L’interesse ad effettuare questa tipologia di merketing coinvolge in modo particolare le aziende che producono prodotti rivolti al pubblico più giovane, in quanto i social network sembrano essere l’unico modo efficace per raggiungerli.

In America, in particolare, non c’è praticamente nessun marchio importante che non abbia tentato di farsi pubblicità tramite i social network, mentre in Italia a farlo è stato il 70% delle aziende. Secondo una recente indagine il 71% delle aziende sia europee che americane ha un apposito team che si occupa solo dei social media.

Significativo a riguardo è il caso di Curtis Kimball, un venditore ambulante di San Francisco che grazie a Twitter è riuscito ad incrementare in maniera notevole il suo giro d’affari: “Mi piacerebbe poter dire di aver avuto un’idea e una strategia molto buone ma la verità è che Twitter è stato essenziale nel mio successo“.

Rispondi