Competenze a tutto campo per gli investigatori privati

di Giuseppe Aymerich Commenta

Sono circa tremila le agenzie di investigazione operanti sul territorio italiano, ma le statistiche dimostrano come il loro numero..

investigatore-privato

Sono circa tremila le agenzie di investigazione operanti sul territorio italiano, ma le statistiche dimostrano come il loro numero tenda a crescere significativamente anno dopo anno: segno di una crescente domanda.

Ma sono lontani i tempi in cui l’attività tipica erano le cosiddette “indagini matrimoniali” e il detective doveva passare le giornate a pedinare le persone. Ferma restando l’importanza di quest’ambito, infatti (solitamente in collaborazione con uno studio legale che segue le cause di separazione fra coniugi), oggi il vero banco di prova degli investigatori privati sta nella conoscenza delle dinamiche aziendali e delle più moderne tecnologie.


Le grandi imprese, infatti, hanno bisogno di collaboratori qualificati per saperne di più sui bilanci: ma se le analisi puramente contabili sono affidate a revisori ed esperti di economia, è per le verifiche sui “dietro le quinte” che può essere indispensabile ricorrere a dei professionisti dell’indagine: spionaggio industriale, contraffazioni, violazioni delle esclusive sui brevetti, dipendenti infedeli…


E il lavoro è difficilmente oggi affidato al classico poliziotto in pensione o al piccolo segugio di periferia: gli investigatori privati sono oggi solitamente laureati, dotati di una buona conoscenza dei più moderni mezzi di comunicazione (e di spionaggio), della legge e di un’elevata propensione al lavoro di gruppo, oltre poi alle più classiche doti “fisiche” (dalla conoscenza delle armi alla guida di auto e moto).

Un’altra caratteristica del lavoro da detective è la necessità di garantire disponibilità all’azione in ogni momento della giornata: di conseguenza è pressoché impossibile che l’investigatore possa essere un lavoratore subordinato: ben più spesso si tratterà di un professionista o di un collaboratore a progetto.
Dal punto di vista della formazione, spiccano i corsi di laurea in Scienze dell’Investigazione presso le università di Bari e dell’Aquila.

Rispondi