Consulenza Commercio on line

(Circ. N. 3487 del 1/06/2000 Ministero dell’Industria)
Questa attività  puಠessere svolta in riferimento ai seguenti settori merceologici: alimentare e non alimentare, secondo le tipologie di vendita all’ingrosso e al dettaglio.

La circolare precisa che l’attività  di vendita al dettaglio via Internet èsoggetta a preventiva comunicazione al Comune nel quale l’esercente ha la residenza, se persona fisica o, nel caso di società , dove sia ubicata la sede legale.

Commercio al dettaglio

settore non alimentare Il commercio èdisciplinato dal D.leg.vo n. 114 del 31 marzo 1998, che ha semplificato e velocizzato il settore, adeguandolo ai maggiori paesi europei.

Non si devono pi๠rilevare le vecchie licenze: per gli esercizi commerciali, la cui ampiezza non supera i 250 metri quadri nei comuni con pi๠di 10.000 abitanti, ed i 150 metri quadri nei paesi con meno di 10.000 abitanti (piccoli esercizi commerciali), basta semplicemende trasmettere al Comune, Ufficio competente una comunicazione dell’apertura dell’esercizio.

Commercio all’ingrosso

La denuncia di inizio di attività  per il commercio all’ingrosso èsubordinata al possesso di determinati requisiti:

– in caso di commercio all’ingrosso di prodotti non alimentari ènecessario possedere i soli requisiti morali come per il commercio al dettaglio

– in caso di commercio all’ingrosso di prodotti alimentari occorre possedere sia i requisiti morali che i requisiti professionali (vedi commercio al dettaglio)

Diventare commerciante

Quante volte abbiamo pensato di creare un’impresa e quante volte questo desiderio l’abbiamo riposto in un cassetto pensando, che ormai il mercato èsaturo, quanti conoscenti hanno cercato di dissuaderci, dicendoci che non c’ pi๠spazio per noi e quante volte siamo venuti a conoscenza, che nuovi insediamenti imprenditoriali hanno chiuso i battenti subito dopo pochissimo tempo.

E’ vero, avviare un’attività  non èuna passeggiata in riva al mare, ma una scalata in montagna.

Come diventare artigiano

NORMATIVA: Legge-quadro per l’artigianato: L. 8 agosto 1985, n. 443.

ARTIGIANO: ècolui che esercita un’attività , artistica o manuale, attraverso un lavoro proprio e/o dei membri che compongono la sua famiglia.Art 2 della L. 443/85: “E’ imprenditore artigiano colui che esercita personalmente, professionalmente e in qualità  di titolare, l’impresa artigiana, assumendone la piena responsabilità  con tutti gli oneri ed i rischi inerenti alla sua direzione e gestione e svolgendo in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo.