canone rai

Canone Rai 2017, come pagare con F24

Il canone Rai 2017 si paga in dieci rate da 9 euro, da gennaio a ottobre, che vengono addebitate direttamente sulla bolletta elettrica per un importo complessivo di 90 euro. 

canone rai

L’importo viene automaticamente addebitato a tutti gli intestatati della bolletta elettrica presupponendo il possesso di un apparecchio televisivo.

badante, colf, collaboratore domestico

Colf, badanti e collaboratori domestici: come metterli in regola?

Aumenta quotidianamente il numero delle famiglie che necessitano dell’aiuto di qualcuno in casa. Che si tratti di un collaboratore domestico, di una colf o di una badante, ciascuno di loro va necessariamente messo in regola: ma come fare?

badante, colf, collaboratore domestico

Dopo aver acquisito tutti i documenti necessari che variano di caso in caso, si deve formalizzare l’assunzione con il contratto di lavoro.

assegno di ricollocazione, istat, impasto, sussidi, assegno di ricollocamento, naspi

Lavoro, addio mobilità : arriva l’assegno di ricollocazione

Novità  in vista nel campo del lavoro con il nuovo anno: dal 1 gennaio 2017 i lavoratori disoccupati dovranno dire definitivamente addio alla mobilità : in sostituzione arriva l’assegno di ricollocazione.

assegno di ricollocamento, naspi

La mobilità , rimasta in vigore per 25 anni, era prevista per i lavoratori licenziati da aziende industriali che contassero oltre 15 dipendenti o aziende commerciali con oltre 50, in pratica adesso scompare e lascia il proprio posto al nuovo assegno di ricollocazione.

la buona scuola, esame di maturità, alternanza scuola-lavoro

Buona scuola, i punti della riforma

Primo via libera in CdM a 8 decreti attuativi della Buona Scuola: anche se i testi non sono chiusi, scopriamo le maggiori novità  introdotte.

 

la buona scuola

Arriva l’asilo unico da 0 a 6 anni con maestre laureate, la maturità  dice addio il quizzone, l’esame di terza media elimina il test Invalsi e la seconda lingua straniera.

segreto bancario

Segreto bancario svizzero addio dal 2017

Con l’arrivo del 1 gennaio 2017 èstata ufficialmente sancita la fine del segreto bancario in Svizzera: da adesso in poi le banche svizzere dovranno condividere dati e paesi d’origine di chi ha depositato nelle proprie casse una cifra pari a circa 2000 miliardi di euro, spesso frutto di evasione fiscale.

segreto bancario

 

Tutto ciಠgrazie al nuovo accordo sancito fra la Svizzera, l’Unione Europea e 28 altri Stati che prevede lo scambio automatico di informazioni fiscali.