Successo dei curriculum on line

di Giuseppe Aymerich Commenta

Lo straordinario successo dei social network, cui partecipano decine e decine di milioni di persone in tutto il mondo, ha trascinato..

lavoro

Lo straordinario successo dei social network, cui partecipano decine e decine di milioni di persone in tutto il mondo, ha trascinato verso una clamorosa diffusione anche un ramo specifico degli stessi: i siti destinati a favorire l’incontro fra domanda e offerta di lavoro, specialmente a favore dei soggetti più qualificati.

Linkedin, Xing, Plaxo sono solo alcuni dei nomi dei forum in continua ascesa che la rete oggi è in grado di offrire.


Il funzionamento è semplice e molto intuitivo: colui che è alla ricerca di lavoro, o desidera cambiare quello che già ha, inserisce il proprio curriculum vitae e acconsente affinché gli altri iscritti possano prenderne visione.

Fra loro, ci sono anche tantissime imprese, soprattutto del settore dei servizi, ma anche gli intermediari specializzati hanno ormai fatto di questi social forum un loro terreno di caccia.
Ma le opzioni sono tante: ci sono molte possibilità di conoscenza virtuale fra professionisti e imprenditori, per dar vita ad una collaborazione per il futuro; e gettonatissimi sono i dibattimenti di carattere tecnico, in cui il singolo candidato può cercare di mettersi in luce dando il suo contributo per farsi notare dalle aziende.

In tutti i casi, alla conoscenza virtuale non può non seguire quella reale: il classico colloquio pre-assunzione rimane un punto fermo cui nessuna azienda intende rinunciare, anche perché su Internet è facile prendere cantonate.


Gli analisti offrono a chi cerca lavoro alcuni preziosi consigli: CV asciutti e concentrati sulle esperienze significative; interventi nei dibattiti solo se si ha davvero qualcosa da dire; consultazioni continue degli annunci di lavoro che vengono pubblicati on line, perché la concorrenza è immensa e la possibilità di essere battuti sul tempo è concreta; attenzione maniacale all’immagine offerta, perché basta una battuta infelice per veder crollare la propria reputazione.

Rispondi