Si cercano ovunque tecnici del digitale

di Giuseppe Aymerich Commenta

Esiste una tipologia di lavoratore che oggigiorno è ricercatissima: si tratta dei professionisti della tecnologia digitale..

disoccupati

Esiste una tipologia di lavoratore che oggigiorno è ricercatissima: si tratta dei professionisti della tecnologia digitale, che nei più svariati campi della comunicazione è destinata a svilupparsi sempre più, mentre gli esperti del ramo sono molto meno del necessario.

Cinema, televisione e web, infatti, necessitano di una grande quantità di figure tecniche di stampo nuovo, a fronte di un’offerta formativa dei nostri atenei che è ancora agli inizi. Non a caso, peraltro, molte aziende del settore si disinteressano completamente del percorso di studi dei candidati e valutano invece direttamente sul campo la loro esperienza e creatività prima di procedere all’assunzione.


Esistono, comunque, alcuni corsi di studi molto apprezzati, come quelli proposti dalla scuola IED di Milano e dalla Big Rock di Treviso.

Gli sbocchi sono tantissimi. Per esempio, i coloristi, che collaborano col direttore della fotografia di un film o di uno spettacolo trasmesso in digitale. Il loro ruolo è di intervenire su singoli dettagli dell’opera (magari su alcuni fotogrammi ben precisi) per migliorare la visibilità o correggere qualche piccolo particolare per rendere l’immagine più accattivante, magari raddrizzando digitalmente luci, colori o suoni.

Ma non manca nemmeno la richiesta di esperti di “motion graphic” (ossia esperti di tecnologie digitali che simulano il movimento all’interno di immagini statiche), di designers, di periti di animazioni tridimensionali.

I requisiti personali e professionali sono molto elevati. Occorre una conoscenza dettagliata dei software di grafica e, allo stesso tempo, delle tecniche di comunicazione, ma anche un pizzico di sensibilità artistica non è fuori posto.


Va anche detto che gli appassionati del settore, anziché proporsi presso una grande azienda, possono valutare l’idea di mettersi in proprio: le piccole imprese che offrono servizi digitali stanno sorgendo come funghi in tutta Italia, e a nessuna di esse manca il lavoro.

Rispondi