A Ferrara nascono gli esperti in sicurezza alimentare

di Giuseppe Aymerich Commenta

Le esigenze del mercato non sono affatto costanti, e mutano in rapporto alle variate esigenze dei consumatori. Così, se i maniscalchi o gli spazzacamini..

ferrara

Le esigenze del mercato non sono affatto costanti, e mutano in rapporto alle variate esigenze dei consumatori. Così, se i maniscalchi o gli spazzacamini appartengono pressoché irrimediabilmente al passato, viceversa si affacciano sul mercato nuovi profili professionali un tempo inimmaginabili.

È il caso, ad esempio, dei richiestissimi esperti in sicurezza alimentare. Dopo il pollo alla diossina o il latte contaminato con la melamina, i consumatori italiani ed europei avvertono con crescente necessità il bisogno di essere rassicurati contro le frodi alimentari.


Le stesse industrie alimentari, d’altronde, sono le prime ad avere interesse che tecnici specializzati certifichino la genuinità e l’atossicità dei propri prodotti, e invocano a gran voce un sistema affidabile di formazione di una nuova generazione di periti del settore.

È perciò da tenere d’occhio il corso formativo che il laboratorio Este-Lab di Ferrara, in collaborazione con la locale università, avvierà a partire dal prossimo 8 maggio: sessantacinque ore di insegnamento teorico e pratico, in cui i futuri esperti sapranno come districarsi fra analisi chimiche e dettagliatissime leggi nazionali e comunitarie.
Per iscriversi (scadenza: 30 aprile) è però indispensabile avere conseguito un diploma di laurea in una materia attinente: Tecnologie alimentari o Agraria appaiono le più inerenti.


Alcuni argomenti di insegnamento? Legislazione in materia alimentare, procedimenti di controllo, tecniche di confezionamento, norme sul benessere degli animali da allevamento, regole sull’etichettatura, verifiche di laboratorio…
Lo scopo del corso è quello di creare degli esperti con competenze non focalizzate bensì multisettoriale, con prospettive di occupazione dunque quanto mai svariate: dalle industrie alimentari agli enti pubblici di controllo.

Rispondi