Rogito notarile telematico per l’acquisto della casa

di Giuseppe Aymerich Commenta

Va avanti a larghi passi il progressivo procedimento di digitalizzazione della gran parte degli atti e dei documenti..

Va avanti a larghi passi il progressivo procedimento di digitalizzazione della gran parte degli atti e dei documenti.
Lo step più recente è stato appena varato dal Consiglio dei Ministri: si tratta del decreto legislativo che consente la stipula del rogito notarile per l’acquisto di un immobile per via telematica.


La procedura è molto semplice, anche se, per ovvi motivi di delicatezza della materia, è stato necessario un esame approfondito.
In sostanza, il contribuente si reca dal suo notaio di fiducia e perfeziona l’atto, utilizzando una propria firma elettronica (anche non qualificata). Il notaio redigerà l’atto sul computer, lo leggerà ai presenti per conferma e apporrà il suo sigillo (altrettanto immateriale).
Qual è il vantaggio? Per acquistare una casa a Napoli o a Torino, il cittadino residente a Roma oppure a Milano non dovrà uscire dai confini della sua città: qualunque notaio sul suolo nazionale sarà infatti abilitato a redigere il rogito, eventualmente con la collaborazione di un collega della città di destinazione.
È bene precisare che la procedura telematica, ad oggi, è solo una facoltà alternativa rispetto all’ordinaria strada cartacea: sarà interessante vedere quanti cittadini si fideranno della nuova soluzione, abbandonando il più rassicurante e tradizionale atto fisico.


In realtà, non sarà subito possibile applicare la via del rogito digitale: occorrerà attendere, infatti, il varo nei prossimi mesi di uno o più decreti attuativi, che definiranno soprattutto gli aspetti più tecnici, come l’immodificabilità dei documenti e le modalità di conservazione degli atti (che dovrebbero comunque essere conservati a cura dello stesso Consiglio Nazionale del Notariato).
Sarà poi indispensabile organizzare un minimo di formazione per i notai, che in questi anni si trovano tenuti a ridurre l’impiego di penne e timbri e ad acquisire molta maggiore familiarità con computer e web.

Rispondi