Casa clima

di Francesco Di Cataldo Commenta

Oltre ad una efficienza nella edilizia questa può essere unita ad una progettazione domotica di primo livello..

bio casa

Negli ultimi mesi si parla quasi alla nausea del clima impazzito per colpa della continua emissione di gas effetto serra e all’incessante utilizzo di petrolio come metodo per la produzione di energia.

I problemi erano noti da tempo, ma se ne parla solamente adesso proprio perchè le previsioni cominciano a tradursi nella realtà e così siamo costretti a convivere con la siccità, con l’inquinamento e con il caldo anche in inverno.

C’è una provincia italiana autonoma che ha voluto intraprendere una iniziativa tutta ecologica per garantire una riduzione dei consumi che in certi casi raggiunge addirittura il 90%.




Bolzano negli ultimi anni ha investito moltissimo nell’alta immobiliaria e ha voluto dare una lezione a tutta l’Italia su come sia possibile e realizzabile la diminuzione sostanziale dei consumi semplicemente investendo sull’efficienza.

Proprio così, l’efficienza si trasforma in risparmio e quindi anche in guadagno poichè ogni euro speso in efficienza genera 3 euro di guadagno. Il progetto risiede sotto il nome di CasaClima e ha come scopo quello di rendere l’abitazione più sana creando e progettando soluzioni innovative come quella di cucinare incanalando i BioGas provenienti dal bagno (messo sottovuoto) che garantisce una riduzione della spesa fino al 100% e chiaramente senza inquinare oppure ancora installando finestre con vetri molto spessi (anche 5 cm) con telai a camere d’aria che garantiscono una minore dispersione di calore, utilizzando nel momento della costruzione mattoni particolari che possono essere realizzati in blocchi cavi con lana di legno mineralizzata o in blocchi di argilla espansa e altre soluzioni all’avanguardia.

Prima della costruzione della casa viene presentato il progetto e tale progetto viene identificato attraverso una classe di appartenenza di consumi e risparmio energetico proprio come quando si acquista un elettrodomestico, il progetto viene studiato totalmente in funzione del risparmio seguendo studi sul pavimento, sugli intonaci, sui rivestimenti, sul mattone, sulle finestre, sul tetto, ecc. e non viene mai sottovalutato il fatto di poter utilizzare i pannelli fotovoltaici per la produzione di elettricità ed i pannelli solari per la produzione di energia termica.

L’edificio provinciale appena restaurato con le normative vigenti è in grado di garantire la stessa efficienza in base a luce e calore risparmiando però il 90% di energia consumata e se questo potesse essere attuato in tutta italia potremmo addirittura essere autosufficienti a livello energetico e potremmo importare dai paesi esteri molta meno energia o prodotti da energia di quanto ne importiamo adesso.

Oltre ad una efficienza nella edilizia questa può essere unita ad una progettazione domotica di primo livello che potrebbe portare ad un ulteriore risparmio energetico grazie alla digitalizzazione dei controllori di temperatura e di luminosità che possono essere sfruttati in ormai tutte le abitazioni senza grossi interventi edilizi oppure per garantire sempre un alto livello di luminosità sono state inventate le case ruotanti che rispondono sotto la categoria della bioedilizia.

Rispondi