Riduzione aliquota acconto Irpef 2011 governo Monti

di Stefania Russo Commenta

Tra le novità introdotte dal governo Monti su tasse, pensioni e lavoro figura una riduzione dell'acconto Irpef per...

Tra le novità del governo Monti su tasse, pensioni e lavoro figura una riduzione dell’acconto Irpef per coloro che entro il 30 novembre 2011 sono chiamati a versare il secondo o unico acconto Irpef per l’anno di imposta 2011.

La nuova normativa introdotta dal nuovo esecutivo, infatti, prevede a favore dei soggetti interessati uno sconto di 17 punti percentuali, in quanto l’aliquota è stata portata dal 99% all’82%.

PAGAMENTO ADDIZIONALE E COMUNALE IRPEF

Tale riduzione si applica solo nel caso in cui l’ammontare di tale acconto è inferiore a 257,52 euro. Da sottolineare, tuttavia, che questa riduzione dell’aliquota rappresenta un risparmio a favore degli italiani interessati solo temporaneo, in quanto la differenza verrà poi corrisposta in occasione del versamento dell’acconto Irpef a giugno 2012.

CALCOLO ADDIZIONALE REGIONALE E COMUNALE IRPEF

La riduzione dell’aliquota Irpef è stata introdotta dal decreto del Presidente del Consiglio datato lunedì 21 novembre e, poichè si tratta di una misura varata a pochi giorni dalla scadenza del versamento, lo stesso decreto prevede anche cosa accade nel caso in cui tale acconto sia già stato versato, in particolare:
– coloro che hanno già versato l’acconto hanno diritto ad un credito pari alla differenza pagata in eccesso e che può essere usato per compensare il pagamento di altri tributi tramite il modello F24;
– per coloro che hanno fatto ricorso all’assistenza fiscale, se i sostituti hanno già effettuato il pagamento restituiranno il maggior importo versato nella busta paga del mese di dicembre o eventualmente nella retribuzione successiva.

Misura analoga, ricordiamo, era stata adottata anche lo scorso anno dal governo Berlusconi, che aveva applicato una riduzione dell’aliquota da applicare sull’acconto Irpef dal 99% al 79%.

Rispondi