Nuove addizionali regionali Irpef 2012 in Piemonte

di Filadelfo Scamporrino Commenta

Applicate le nuove disposizioni di Legge contenute nell’ultima manovra finanziaria nazionale.

Nella Regione Piemonte, per i redditi fino a 15 mila euro, non sono previsti aumenti per l’addizionale regionale 2012 ai fini dell’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef).

A darne notizia nei giorni scorsi è stata l’Amministrazione regionale dopo che il Consiglio della Regione Piemonte si è riunito al fine di applicare, proprio in materia di addizionali regionali, le nuove disposizioni di Legge contenute nell’ultima manovra finanziaria nazionale, quella del Governo guidato dal Premier e senatore a vita Mario Monti.



ASSUNZIONE DOCENTI E PERSONALE ATA IN PIEMONTE

L’aumento delle addizionali Irpef nella Regione Piemonte scatta, ma solo per i redditi sopra il livello dei 15 mila euro, come segue: un aumento dello 0,3% dell’addizionale regionale ai fini Irpef per i redditi oltre i 15 mila euro e non superiori ai 22 mila euro; un aumento dello 0,5% dell’addizionale regionale ai fini Irpef per i redditi oltre la soglia dei 22 mila euro.

NOVITA’ FISCALI 2012

In merito alle risorse aggiuntive che deriveranno da questi aumenti, l’Amministrazione regionale, per voce dell’Assessore al Bilancio, Giovanna Quaglia, ha sottolineato come queste non saranno introitate dalla Regione Piemonte, ma andranno a compensare quelli che sono i tagli al Fondo sanitario nazionale. Al riguardo l’effetto delle compensazione è pari a 2,5 milioni di euro.

CALCOLO ADDIZIONALE REGIONALE E COMUNALE IRPEF

E per il futuro, comunque, secondo quanto previsto dal Decreto numero 68 del 2011, la cui entrata in vigore è prevista per il 2013, l’Amministrazione regionale si riserverà la possibilità, avendone la facoltà di aumentare le detrazioni fiscali a favore delle famiglie piemontesi.

Rispondi