Come pagare il canone Rai speciale

di Stefania Russo 1

Il Canone Rai speciale è un'imposta che, in virtù di quanto stabilito dagli artt. 1 e 27 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246 e...

Il canone Rai speciale è un’imposta che, in virtù di quanto stabilito dagli artt. 1 e 27 del R.D.L. del 21/02/1938 n. 246 e dall’art. 2 del D.L.Lt. 21/12/1944 n. 458, deve essere obbligatoriamente pagata a seguito della detenzione di uno o più apparecchi atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive detenuti in esercizi pubblici, in locali aperti al pubblico o comunque fuori dell’ambito familiare, indipendentemente dalla qualità o dalla quantità dell’utilizzo dell’apparecchio stesso.

L’importo da versare a titolo di canone Rai speciale varia di anno in anno e dipende dal tipo di attività in relazione alla quale sorge l’obbligo di pagamento (si veda “categorie canone Rai speciale“).


Pertanto, se deve essere pagato il canone speciale per la prima volta, prima di effettuare il relativo versamento occorre rivolgersi alla sede RAI competente per territorio oppure procedere alla compilazione e all’invio tramite modalità telematica di apposito modulo disponibile sul sito internet www.abbonamenti.rai.it.

In entrambi i casi l’utente sarà invitato a precisare il tipo di utenza (radiofonica o televisiva) e il mese nel quale si intende installare l’apparecchio; qualora l’apparecchio si trovi in un esercizio pubblico sarà necessario specificare il tipo, la categoria e la denominazione dello stesso, mentre solo per le strutture ricettive (alberghi, pensioni, residence, villaggi turistici, ecc.) bisogna comunicare il numero di stelle, il numero delle camere ed il numero degli apparecchi TV.

Sulla base delle informazioni ricevute, l’ufficio competente provvederà ad inviare un bollettino di conto corrente postale n. 2105 prestampato, intestato alla RAI Radiotelevisione Italiana, con l’indicazione dell’importo da corrispondere, attribuendo al contempo un numero di abbonamento speciale. Il bollettino sarà poi inviato aggiornato ogni anno successivo, a meno che il titolare non chieda la disdetta dell’abbonamento.

Commenti (1)

  1. Il problema è comprendere a quanto ammonta l’importo degli interessi per il pagamento in ritardo per la categoria “canoni speciali” e il numero dei relativi conti correnti postali a cui inviare il pagamento.
    Mi può dare un indicazione?

Rispondi