Studi di settore, il 60% dei contribuenti controllati si arrende

di Giuseppe Aymerich Commenta

Secondo i dati diffusi dall’Agenzia delle Entrate, circa il 60% dei contribuenti dotati di partita IVA e controllati nel biennio 2007-08..

studi

Secondo i dati diffusi dall’Agenzia delle Entrate, circa il 60% dei contribuenti dotati di partita IVA e controllati nel biennio 2007-08 selezionati sulla base degli studi di settore hanno voluto o dovuto arrendersi di fronte alle ragioni dell’Amministrazione Finanziaria e hanno accettato di pagare imposte e sanzioni sul sovra-reddito (eccedente rispetto a quello dichiarato), così come calcolato dal software Gerico.


È un risultato che appare incoraggiante (anche perché rappresenta una crescita rispetto agli anni precedenti) e che offre nuova linfa allo strumento degli studi di settore, oggetto in questi ultimi mesi di un fuoco di fila da parte della Corte di Cassazione che ne ha disconosciuto in più occasioni il valore probatorio per la ricostruzione del reddito dei contribuenti.

La Suprema Corte, infatti, ha ribadito con forza un concetto non sempre accettato pacificamente dall’Agenzia delle Entrate, e cioè che lo studio di settore offre indizi certamente utili per individuare i contribuenti più anomali da sottoporre a controlli e presenta un’utile base statistica per rettificarne il reddito dichiarato, ma da soli essi non bastano assolutamente per trarre alcuna conclusione.

Di fronte a contribuenti incongrui, dunque, l’Agenzia deve impegnarsi per trovare altri indizi a carico dei medesimi prima di provvedere alla rettifica del reddito; deve inoltre accettare il contraddittorio con il cittadino, che potrebbe portare prove inoppugnabili che giustifichino lo scostamento rispetto alle risultanze di Gerico.


Così, almeno, secondo le dichiarazioni di principio stabilite dalla Cassazione. Non sempre, però, le applicazioni pratiche rispondono ai requisiti: molte volte, infatti, la prassi vuole che sia il contribuente a dover sopportare l’onere della prova, e a doversi difendere da un accertamento induttivo basato esclusivamente sugli studi di settore.

Rispondi