Responsabilità del dipendente per fatture false

di Stefania Russo Commenta

La Corte di Cassazione con la sentenza 3621 del 9 febbraio 2011 ha stabilito che la dipendente che materialmente ha emesso..

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 3621 del 9 febbraio 2011 ha stabilito che il dipendente che materialmente ha emesso un documento inesistente può rispondere in concorso del reato di emissione di fatture false.

Nel caso in esame, in particolare, la Suprema Corte ha confermato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello, che aveva condannato la dipendente di un’azienda che si era occupata di emettere materialmente i documenti falsi utilizzati per una truffa, respingendo al contempo il ricorso presentato dalla dipendente accusata, che lamentava di non essere responsabile in quanto si era limitata ad eseguire gli ordini imposti dal suo datore di lavoro.


La dipendente, inoltre, nel suo ricorso ha specificato che il fatto che le fatture fossero state materialmente compilate da lei non ha avuto alcuna valenza esterna, nonchè l’assenza di dolo specifico richiesto dal reato tributario.

La Corte di Cassazione, tuttavia, nel rigettare il ricorso presentato dalla dipendente ha ritenuto infondate queste motivazioni, alla luce del fatto che la valutazione di merito operata dai giudici della Corte d’Appello era esente da censure di carattere logico-giuridico e che anche il ruolo svolto dalla dipendente era stato correttamente descritto.

Rispondi