Pensioni e lavoro cumulabili dal 2009

di Giuseppe Commenta

Dal 2009 in avanti, infatti, vengono meno i limiti alla cumulabilità dei redditi di pensione con qualunque forma di reddito..

nonna in pensione

Con la circolare n. 108 del 10 dicembre, l’INPS ha finalmente chiarito i termini di una novità introdotta nel nostro ordinamento con la manovra d’estate (legge 133/2008) e che diventerà operativa a partire dal 1° gennaio.

Dal 2009 in avanti, infatti, vengono meno i limiti alla cumulabilità dei redditi di pensione con qualunque forma di reddito da lavoro: dipendente, parasubordinato e autonomo. L’INPS ha chiarito la portata dell’innovazione, e ha precisato anche alcuni limiti di cui si dovrà tenere conto.


Innanzitutto, il discorso riguarda qualunque tipo di pensione, sia che sia calcolata col vecchio metodo retributivo che con i metodi contributivo e misto introdotti nel 1995 con la riforma Dini. Inoltre, la novità riguarda in effetti solo le pensioni di anzianità, poiché per quelle di vecchiaia già da tempo non esistono limitazioni particolari.

Per i pensionati di anzianità esistevano invece alcuni limiti: per il cumulo era necessario godere della pensione di anzianità in virtù di quarant’anni di contributi, oppure anche solo trentasette purché si avessero almeno cinquantotto anni di età. Tutti discorsi appartenenti al passato: i vincoli descritti sono stati rimossi.


E tuttavia, non tutti potranno godere del cumulo. La circolare 108 spiega che il beneficio non si applica a coloro che godono di alcune particolari agevolazioni per il pensionamento (come coloro che secondo la formula prevista dalla legge 662/1996 si trovano a lavorare part-time e ricevono in parte una pensione e in parte uno stipendio) o altre figure sui generis come i lavoratori socialmente utili.

Per acquisire il diritto alla pensione, inoltre, occorre non essere dipendenti alla presentazione della domanda: per cui si deve ipotizzare che il lavoratore debba licenziarsi, fare domanda perché gli sia riconosciuta la pensione e infine cercare un nuovo impiego.

Rispondi