Come aprire una sartoria

di Stefania Russo 2

Per aprire una sartoria vanno seguite le stesse procedure previste per l'apertura di una qualunque impresa artigiana. Il primo passo...

Per aprire una sartoria vanno seguite le stesse procedure previste per l’apertura di una qualunque impresa artigiana. Il primo passo è quindi quello di recarsi presso la Camera di commercio ed effettuare l’iscrizione al Registro delle imprese, una sorta di archivio contenente tutte le informazioni dettagliate di ciascuna impresa. Al momento dell’iscrizione al Registro delle Imprese la Camera di Commercio provvede ad assegnare all’impresa stessa il suo codice fiscale.

Il passo successivo è quello di aprire una partita Iva e di procedere all’iscrizione all’Albo delle imprese artigiane, in particolare insieme alla domanda di iscrizione all’albo deve essere presentata la domanda di inizio attività.


A riguardo la Legge n. 443/1985 prevede che l’iscrizione all’Albo delle imprese artigiane è obbligatoria, è costitutiva dell’impresa artigiana ed è condizione necessaria e indispensabile per la concessione delle agevolazioni previste a favore delle imprese artigiane.

[COME DIVENTARE SARTO]

La domanda di iscrizione all’albo deve essere presentata entro 30 giorni dall’inizio dell’attività alla Commissione Provinciale per l’Artigianato competente per territorio, normalmente situata presso la Camera di commercio. Alla domanda devono inoltre essere allegati tutte le eventuali autorizzazioni richieste e ottenute per l’esercizio dell’attività. A seguito di tale iscrizione il titolare dell’impresa, e tutti i suoi familiari o soci che partecipano all’attività verranno iscritti negli Elenchi Nominativi e a loro nome verrà aperta una posizione previdenziale INPS.

Oltre a sbrigare le pratiche di carattere strettamente burocratico occorre predisporre quanto necessario allo svolgimento dell’attività stessa, comprando l’attrezzatura necessaria, il materiale pop, il registro di cassa e tutto quanto necessario per svolgere l’attività di impresa, oltre ad affittare o ad acquistare il locale da adibire a negozio, sempre che non si decida di aprire la sartoria presso la propria abitazione. Per essere seguiti in ogni passo da esperti e disporre della loro consulenza in ogni momento è preferibile scegliere di aprire una sartoria in franchising, in modo tale da poter sfruttare un marchio già noto e di poter usufruire di pubblicità gratuita.

Commenti (2)

  1. e i costi per fare tutto questo??

  2. Cosa potrei fare per cucire per terzi durante il tempo libero? Potrei avere un’indicazione?

Rispondi