Aprire un centro estetico in franchising

di Stefania Russo Commenta

Chi intende aprire un centro estetico o, più in generale, di avviare una nuova attività nel settore della bellezza, oltre che partire da zero iniziando...

Chi intende aprire un centro estetico o, più in generale, avviare una nuova attività nel settore della bellezza, oltre che partire da zero iniziando da solo può anche scegliere di optare per la formula del franchising, in modo tale da poter usufruire di assistenza nell’avviamento dell’azienda, di sfruttare un marchio già noto e di avere pubblicità gratuita.

Tra i marchi in franchising attivi nel settore della bellezza figura K2 Chocolate Beauty Center, che prevede un investimento totale compreso tra 90.000 e 150.000 euro, un fatturato annuo intorno ai 240.000 euro, un fee di ingresso di 5.000 euro e royalties per 3.000 euro. E’ richiesto un locale di dimensioni non inferiori agli 80 mq situato in un centro commerciale o in una via cittadina centrale.


Centro Abbronzatura Sole è invece un franchising attivo nel settore dell’abbronzatura e dell’estetica, in questo caso l’investimento iniziale parte da 50.000 euro, con un fee d’ingresso di 5.000 euro e royalties variabili in base al volume d’affari. Il locale deve avere dimensioni non inferiori ai 50 mq.

[NUOVO DECRETO SULLA SICUREZZA NEI CENTRI ESTETICI]

Altro franchising interessante per chi intende aprire un solarium è Tobago, che prevede un investimento iniziale che si aggira intorno ai 20.000 euro e nessuna royalties e fee d’ingresso. Il locale deve avere una dimensione non inferiore ai 40 mq.

No+Vello è invece un marchio attivo nel settore della foto depilazione, l’investimento iniziale richiesto è di 36.000 euro e nessun fee d’ingresso. La superficie del punto vendita non deve essere inferiore ai 40 mq ed è richiesto un personale composto da un minimo di due persone.

[COME APRIRE UN CENTRO ESTETICO]

Avvicinandoci più nello specifico al settore del make up troviamo VIS A VIS, azienda attiva nel settore del permanent make up e che richiede un investimento iniziale di circa 20.000 euro, royalties per 100 euro al mese e un locale di dimensioni non inferiori ai 30 mq.

Nail Saloon e Chic Nails sono due marchi che invece si occupano soprattutto di ricostruzione unghie, di manicure e pedicure. Nel primo caso è richiesto un investimento minimo che varia in base al numero di postazioni e che parte da 11.920 euro per una postazione fino a 26.130 euro per quattro postazioni, con fee d’ingresso inclusa nell’investimento iniziale e nessuna royalties. Il punto vendita non deve avere una dimensione inferiore ai 20 mq. Nel secondo caso è invece richiesto un investimento minimo iniziale di 17.000 euro per una sola postazione e di 27.000 euro per due postazioni. La fee d’ingresso è di 1.500 euro, mentre la royalties è di 900 euro all’anno. La superficie minima del punto vendita è di 30/40 mq in caso di due postazioni e di 5 mq nel caso di una sola postazione.

Rispondi