Gomme invernali, quali sanzioni si rischiano

di Fabiana Commenta

Ricordate di fissare un appuntamento con il gommista: dal 15 novembre al 15 aprile scatta l’obbligo di circolazione in tutta Italia con le gomme invernali come previsto dall’articolo 6 del Codice della Strada secondo cui “i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio”.

penumatici invernali, multa

La normativa resterà in vigore fino al prossimo 15 aprile 2018 anche se saranno gli enti provinciali e territoriali a decidere con esattezza di un eventuale prolungamento della norma in base alle caratteristiche territorio spesso prorogando i tempi di obbligo di gomme o catena da neve.

Che cosa si rischia contravvenendo alla norma? Chi circola in città senza catene o gomme invernali, rischia una sanzione pecuniaria che parte da 41 euro mentre fuori dai centri abitati parte da 84 euro. In autostrada la sanzione va da 80 a 318 euro e prevede la decurtazione di 3 punti dalla patente. 

Per poter individuare le gomme più adatte al proprio veicolo, bisogna consultate il libretto di circolazione tenendo presente che sono comunque consentite gomme invernali con codice di velocità inferiore a quello indicato dal libretto, ma solo dal 15 ottobre al 15 maggio. Dal 15 aprile al 15  in ogni caso vanno obbligatoriamente sostituite con quelle estive.

Ma quali sono le alternative? Si può optare per le catene da neve omologate, per le gomme invernali che diranno riposare il simbolo M+S (che indica mud and snow, ossia fango e neve) progettate appositamente per gli asfalti freddi con speciali lamelle che consentono maggiore aderenza o per le gomme All Season (con la dicitura M+S) che hanno caratteristiche intermedie tra le gomme estive e le gomme invernali.

Rispondi