Per molte imprese il Natale è già arrivato

di Giuseppe Commenta

Ed è per cercare di reagire alla situazione senza uscita in cui sembra essere precipitato il comparto della distribuzione..

piazza illuminata in una serata natalizia

La notizia, lungi dall’essere festosa, è l’ennesimo segnale della crisi dei consumi nel nostro Paese. Secondo le ultime proiezioni della Confcommercio, infatti, si registrerà un calo medio dello 0,5% anche per tutto il 2009, e i negozi chiusi negli ultimi dieci anni sono più di cinquecentomila.

Ed è per cercare di reagire alla situazione senza uscita in cui sembra essere precipitato il comparto della distribuzione che molti negozi, e soprattutto le grandi catene di ipermercati e supermercati, hanno deciso di anticipare di ben due mesi le promozioni riservate tradizionalmente al mese di dicembre, in occasione delle festività natalizie e della ricezione delle tredicesime da parte di dipendenti e pensionati.


Il gruppo Auchan annuncia una massiccia campagna promozionale per informare i consumatori dell’intenzione di bloccare i prezzi dei generi di consumo, ma la Coop va addirittura oltre, annunciando la riduzione dei prezzi (dal 20% al 35%) per moltissimi prodotti.

Il gruppo Carrefour, invece, punta ad una soluzione più complessa, ossia la creazione di offerte mirate a favore dei clienti più fedeli dotati di apposite tessere personalizzate, mentre i concorrenti del gruppo Interdis (cui appartengono decine di sigle di supermercati) puntano su concorsi a premi riservati ai clienti e altre promozioni innovative.


Un’altra soluzione diffusa ovunque è quella di venire incontro ai clienti diversificando il più possibile le soluzioni di pagamento, studiando nuove ipotesi di rateizzazioni, dilazioni, carte di credito.
È molto probabile che queste iniziative adottate dalla grande distribuzione saranno presto imitate dai piccoli esercenti.

Insomma, già ad ottobre è tempo di pensare alle spese natalizie. Ma che i nostri commercianti riescano finalmente a festeggiare è ancora tutto da vedere.

Rispondi