Licenziamento legittimo se si timbra il badge del collega

di Stefania Russo Commenta

Timbrare il badge del collega in ritardo, purtroppo, è una pratica piuttosto diffusa tra i lavoratori dipendenti italiani...

Timbrare il badge del collega in ritardo, purtroppo, è una pratica piuttosto diffusa tra i lavoratori dipendenti italiani, ma che rischia però di costare loro il posto di lavoro.

Pertanto, prima di rispondere di si ad una richiesta del genere da parte del vostro vicino di scrivania oppure prima di chiedere ad un vostro collega questo tipo di favore, è bene tenere presente che tale comportamento può legittimare un licenziamento disciplinare.

LICENZIAMENTO ILLEGITTIMO PER MANCATO RINVIO DELLA COMUNICAZIONE

A stabilirlo è stata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 4693 del 23 marzo 2012, con la quale ha rigettato il ricorso presentato da alcuni dipendenti di un’azienda licenziati per aver fittiziamente ottemperato all’obbligo di regolare presenza sul posto di lavoro mentre in realtà erano di fatto assenti.

LICENZIAMENTO PER INIDONEITÀ FISICA DEL LAVORATORE

Più nel dettaglio, la Suprema Corte ha definito la condotta dei lavoratori connotata da un elemento fraudolento derivante da un preventivo accordo, a seguito della quale si è configurata la violazione di doveri fondamentali scaturenti dal rapporto di lavoro subordinato e tale da compromettere la fiducia dell’azienda in merito alla futura correttezza del lavoratore. Tale comportamento, secondo la Corte, è quindi da ritenersi incluso nelle fattispecie disciplinate dalle norme che prevedono il licenziamento senza preavviso.

A fronte di tale sentenza, dunque, risulta legittimo il licenziamento disciplinare intimato sia al lavoratore che timbra il badge dei colleghi assenti sia ai lavoratori che ne beneficiano.

Rispondi