Riforma sulla mediazione civile (prima parte)

di Giuseppe Aymerich 1

Non ha ricevuta molta attenzione da parte dei mass-media, ma il decreto legislativo del 28 ottobre scorso che ha introdotto nel..

mediazione civile

Non ha ricevuta molta attenzione da parte dei mass-media, ma il decreto legislativo del 28 ottobre scorso che ha introdotto nel nostro ordinamento l’istituto della mediazione civile costituisce probabilmente la principale riforma varata finora dall’attuale maggioranza.

L’impatto sulla vita di cittadini e aziende potrebbe rivelarsi molto elevato. È bene, dunque, analizzare nel dettaglio la riforma, sebbene per il momento essa non sia ancora entrata in vigore: è infatti stabilito che divenga operativa nel maggio 2011, per dare il tempo agli operatori del settore di preparare il terreno.


Il primo problema della giustizia italiana, come tutti ripetono fino alla nausea, è dato dalla lentezza dei processi (in ambito civile occorre mediamente una decina di anni per arrivare alla sentenza definitiva), che è causata da diversi fattori, il primo dei quali è il numero immenso di procedimenti a fronte di un organico giudiziario e amministrativo troppo ridotto. La mole dei procedimenti pendenti o in attesa di partire continua a crescere anno dopo anno, fino a raggiungere l’attuale quota di 9.300.000.


Da ciò la soluzione quasi obbligata e di cui, peraltro, si parlava da anni senza troppo costrutto: togliere dalla competenza di tribunali e giudici di pace una buona percentuale delle materie giuridiche e attribuirle all’attenzione di organismi conciliativi, il cui compito è quello di individuare, sulla base della legge e del buonsenso, una soluzione che vada bene ad entrambi.

Il ricorso al mediatore civile diviene obbligatorio per una pluralità di materie di contesa, piuttosto frequenti nella vita di tutti i giorni e il cui valore della pratica è spesso modesto, mentre è facoltativo in tutti gli altri casi.

Si calcola che, della mole di procedimenti descritta in precedenza, almeno un milione sarebbe stato risolto con la mediazione, se fosse già entrata in vigore in precedenza.

Commenti (1)

  1. E’ incredibile come sia difficile trovare delle informazioni sulla mediazione civile (io le ho trovate anche qui http://www.mediazionecivile.it). Ma ci rendiamo conto che, tra poco, cambierà totalmente il modo di fare giustizia civile in Italia, di tutelare i nostri diritti e di farli valere? Ci sarà una specie di “filtro” (la mediazione, appunto) che dovrebbe evitare di arrivare troppo presto in tribunale. Se sarà un bene o sarà un male, è ancora troppo presto per dirlo. A posteri…

Rispondi