Permessi e congedi del lavoratore

di Giuseppe Aymerich Commenta

La legge e i contratti collettivi prevedono un’autentica selva di ipotesi in cui il lavoratore può assentarsi dal luogo di lavoro, per qualche ora o per qualche giorno..

permesso-di-lavoro

La legge e i contratti collettivi prevedono un’autentica selva di ipotesi in cui il lavoratore può assentarsi dal luogo di lavoro, per qualche ora o per qualche giorno.

Si tratta dei numerosi permessi o congedi riconosciuti in occasione di situazioni cui si attribuisce una particolare giustificazione sociale o familiare.

Fra gli esempi più importanti, ricordiamo i permessi riconosciuti al dipendente che: contrae le nozze (cosiddetto “congedo matrimoniale”); subisce un grave lutto familiare; deve assistere un congiunto anziano o ammalato; deve sottoporsi a cure mediche o interventi chirurgici; dona il sangue; partecipa come rappresentante sindacale ad incontri e riunioni inerenti la sua funzione; adempie ai suoi doveri civici, come recarsi a votare o partecipare ad un processo.


Il dettaglio delle singole situazioni è specificato dai contratti collettivi. É da notare che non tutti i frangenti sono uguali fra loro, poichè in alcune ipotesi il lavoratore è retribuito regolarmente e in altre no.
In ogni caso, il tratto comune è che il lavoratore che versi in una delle situazioni descritte ha diritto al permesso e il datore non si può opporre, nei limiti predefiniti dal CCNL.

Un altro scaglione di ipotesi sono legati all’essere genitore e alle norme che la legge fissa a tutela della maternità e paternità: periodi di astensione obbligatoria e facoltativa per la lavoratrice incinta o puerpera, permessi in occasione della malattia del bambino, permessi per allattamento nel primo anno di vita del neonato.


C’è poi l’aspettativa, che è l’ipotesi prevista quando il lavoratore è chiamato a cariche pubbliche elettive oppure sindacali: in questi casi, il rapporto di lavoro è “congelato”, cioè il lavoratore non è retribuito e non maturano nè TFR nè anzianità, ma al momento della cessazione della carica egli avrà diritto a riavere il posto.

Rispondi