Fallimento impresa commerciale

di Giuseppe Aymerich 1

Perché un’impresa fallisca è indispensabile che essa eserciti un’attività commerciale. Secondo l’art. 2195 del Codice Civile..

fallimento

Perché un’impresa fallisca è indispensabile che essa eserciti un’attività commerciale.

Secondo l’art. 2195 del Codice Civile, l’impresa è di tipo commerciale quando l’attività esercitata consiste nella produzione di beni e servizi, nell’intermediazione, nel trasporto di persone e merci, nell’attività bancaria o assicurativa oppure in qualunque attività ausiliaria alle precedenti.

Secondo la gran parte della dottrina, anche se non mancano voci di dissenso, si può più semplicemente definire come attività commerciale qualunque attività d’impresa non definibile come agricola (descritta nell’art. 2135 del Codice Civile).


Pertanto, non può mai fallire nessuna ditta individuale che eserciti attività agricola. Discorso più complesso per le società: sicuramente non può fallire la società semplice (che per legge non può mai esercitare attività commerciale), mentre possono fallire tutti gli altri tipi di società, poiché la legge le considera a tutti gli effetti imprese commerciali anche quando l’attività svolta fosse agricola.


È poi richiesto che l’impresa non sia soggetta obbligatoriamente, in caso di crisi, ad altra procedura concorsuale, e in particolare non sia da sottoporsi inderogabilmente a liquidazione coatta amministrativa. È quest’ultima una procedura molto complessa e diversificata, condotta da autorità amministrative, e prevista in determinati settori considerati piuttosto delicati: le banche, ad esempio, o le società di assicurazione, o le cooperative non commerciali.

Discorso particolare per le cooperative che svolgono attività commerciale: esse possono fallire solo se non è già stata avviata in precedenza una liquidazione coatta amministrativa. Vale, cioè, il principio della prevalenza, per cui la prima procedura che è dichiarata preclude l’avvio dell’altra.

Più in generale, comunque, non può mai essere sottoposta a fallimento un’impresa che è già soggetta ad un’altra procedura concorsuale, salvo quando il fallimento interviene come conseguenza inevitabile allorché un’impresa soggetta a concordato preventivo o ad amministrazione straordinaria non riesca ad essere risanata.

Commenti (1)

  1. vorrei conoscere le procedure per sciogliere una societa’ cooperativa a rl composta da tre soci, per sopravvenuta uscita’ di n.2 soci….grazie……con debiti verso aziende fornitrici…grazie

Rispondi